Forti e a bassa acidità: i migliori caffè di Napoli a un prezzo scontato | Offerta della settimana: set da degustazione Napoletano con il 15% di sconto
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Caffè Brasiliano

Caffè dal Brasile

Originario del più grande Paese produttore di caffè del mondo, il caffè brasiliano è difficile da descrivere in poche parole. Dalla qualità più economica ai migliori caffè speciali, il Paese, che ha il secondo maggior consumo di caffè dopo gli USA, fornisce quasi tutto.

Caffè Arabica in Brasile

La storia

Dopo l'arrivo dei primi chicchi di caffè in Brasile nel 1727, grazie agli intraprendenti tentativi del sergente portoghese Francisco de Mello Palheta, il caffè si è rapidamente trasformato nel primo e più proficuo prodotto esclusivo brasiliano per l'esportazione. Quello che inizialmente era destinato al solo consumo interno, si è trasformato nel più grande successo di esportazione, mentre Haiti, all'epoca il più grande produttore di caffè del mondo, si trovava in una grave crisi.

Alla fine dell'Ottocento il caffè era di gran lunga il fattore economico più importante del Paese, con circa il 75% della produzione mondiale proveniente dal Brasile. Allora, come oggi, il 98% del caffè proveniva dai quattro stati di San Paolo, Espirito San, Minas Gerais e Paraná. Soprattutto perché la coltivazione del caffè è cresciuta senza investimenti stranieri, ha spianato la strada al Brasile per i secoli a venire.

Oggi la produzione di caffè rappresenta solo il 10% circa del prodotto interno lordo del Brasile, e prodotti come il ferro e la soia hanno preso il sopravvento. Tuttavia, ancora oggi più di 3,5 milioni di persone lavorano nella catena di produzione del caffè brasiliano e il Paese ha una caratteristica cultura del caffè con numerose specialità proprie.

Le caratteristiche del caffè brasiliano

Sulle montagne e gli estesi altipiani brasiliani vengono coltivate principalmente diverse varietà di Arabica, ma anche alcuni tipi di Robusta. Il Brasile, il quinto paese più grande del mondo, offre un'ampia gamma di condizioni di crescita per le piante di Coffea, dalle umide foreste pluviali dell’Amazzonica alle foreste montane, alle steppe e alle spiagge da sogno. Di conseguenza, anche i chicchi della stessa varietà hanno un sapore diverso se raccolti in zone diverse.

Nel Sud-Est del Paese vengono coltivate da diversi anni le da poco scoperte varietà Bourbon. Gli aromi delicati e sottili di spezie e vaniglia hanno reso questo chicco particolarmente popolare. In particolare, i chicchi coltivati sulla costa orientale a volte hanno un leggero aroma di acqua marina, una caratteristica che è particolarmente apprezzata nell'Europa orientale. In generale, il caffè brasiliano è descritto come piuttosto delicato e poco acido.

 Caffè Robusta in Brasile

Brasile Paese problematico

La coltivazione in vastissima del caffè in Brasile, in una fase iniziale del suo sviluppo, non ha avuto ovviamente solo effetti positivi sul Paese. Fino al 1888 quasi tutte le piantagioni erano coltivate da schiavi neri africani e anche dopo che la schiavitù fu ufficialmente vietata, le condizioni di lavoro migliorarono solo molto lentamente.

Oggi la popolazione brasiliana deve lottare soprattutto contro il fatto che, in gran parte del Paese, vengano utilizzati pesticidi e masse di fertilizzanti nocivi per la salute. Senza questi additivi chimici, le numerose monocolture del Paese non sarebbero redditizie. Sebbene tutte le sostanze chimiche pericolose vengano eliminate durante il processo di tostatura, la natura unica del Brasile e i lavoratori troppo spesso malati di cancro ne soffrono ancora.

Anche se il Brasile è sulla strada della ripresa e ci sono sempre più piccole iniziative che combattono per cercare di rispettare l'ambiente e la natura, la lotta contro giganti del caffè come Tchibo, Kraft e Nestlé non è sempre facile.