Forti e a bassa acidità: i migliori caffè di Napoli a un prezzo scontato | Offerta della settimana: set da degustazione Napoletano con il 15% di sconto
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Caffè Centro-Americano e Caraibico

Caffè Centro-Americano e Caraibico

La maggior parte dei Paesi dei Caraibi e dell'America centrale sono noti per le loro spiagge bianche e le acque turchesi. Non tutti sanno che in molti di questi Paesi tropicali vengono coltivati famosi caffè speciali. Le condizioni tropicali delle zone di vacanza equatoriali non sono adatte solo al turismo, ma anche alla coltivazione del caffè. Per molti dei Paesi più piccoli, in gran parte economicamente più deboli, il caffè offre una buona opportunità per portare capitali nel Paese e guadagnare un po' di soldi. Molti stati oggi dipendono dalla coltivazione dell'oro nero.

Costa Rica

Paese e persone

Non è senza motivo che il Costa Rica venga chiamato la "Svizzera dell'America Latina". Rispetto ai Paesi vicini, il Costa Rica ha iniziato molto presto ad attuare efficaci misure di politica sociale e può guardare indietro ad una democrazia stabile e duratura. Situato tra Nicaragua e Panama, e tra i Caraibi e il Pacifico, il Costa Rica è il Paese più avanzato della sua regione. Più di un quarto della sua area è oggi una riserva naturale e quasi il 100% dell'energia è prodotta da fonti rinnovabili. L'istruzione è molto importante e, rispetto ai Paesi vicini, la Costa Rica è sicura anche per i turisti. Il Costa Rica è situato a latitudini equatoriali e gode di un clima tropicale tutto l'anno, che si esprime in stagioni secche e piovose ben distinte. Con condizioni climatiche diverse su entrambi i lati della catena montuosa centrale, numerosi altipiani e foreste vergini, paludi e spiagge bianche, il Costa Rica offre un'ampia varietà di condizioni di coltivazione del caffè.

La coltivazione del caffè in Costa Rica

Il Costa Rica è noto per diverse varietà di Arabica, da buone a molto buone. Alcune varietà molto speciali come Caturra e Villa crescono quasi esclusivamente in Costa Rica. Il Ministero dell'Agricoltura, piuttosto progressista, ha vietato completamente la coltivazione dei chicchi di Robusta, spesso considerati di qualità inferiore, e sta imponendo requisiti sempre più severi ai coltivatori di caffè. Come per la più importante merce d'esportazione del Paese, le banane, lo standard di produzione del caffè è in costante aumento. La protezione dell'ambiente, la sostenibilità e la rinuncia ai pesticidi e ai fertilizzanti artificiali sono gli obiettivi a lungo termine stabiliti.

Poiché il Costa Rica è un Paese molto vario, ci sono centinaia di varietà e varianti diverse di caffè Arabica. In particolare, sono molto popolari tra i contadini le pendici dei vulcani, estremamente fertili grazie alle loro ceneri vulcaniche. Ovunque in montagna si possono trovare piccole cooperative e singoli agricoltori che coltivano il proprio caffè. Oggi il caffè è la seconda merce d'esportazione del Paese e viene esportato principalmente negli USA, in Germania e in altri Stati europei.

I caffè del Costa Rica

Mettere tutti i caffè del Paese sullo stesso piano, però, non renderebbe giustizia ai numerosi caffè estremamente diversificati che vengono coltivati in Costa Rica. Il 100% puro Arabica del Costa Rica, come per esempio quello tostato da Caffè New York, si trova raramente. Tuttavia, molte miscele italiane contengono chicchi provenienti da questo paese soleggiato. Essi sono noti soprattutto per i loro aromi fini e diversificati. Da un eccellente corpo, passando da aromi fruttati, ad un'acidità particolarmente mite e un finale armonioso, il Paese ha tutto da offrire.

A causa dell'elevata umidità, i chicchi vengono lavorati umidi o semi-secchi, a seconda della regione, e raccolti tra luglio e febbraio. Anche se il Paese è abbastanza all’avanguardia, la maggior parte dei chicchi viene raccolta e spesso anche smistata a mano, soprattutto nelle zone montuose impraticabili.

Repubblica Dominicana

La Repubblica Dominicana, conosciuta da molti come un paradiso per le vacanze, è entrata in contatto con la coltivazione del caffè già all'inizio del XVIII secolo attraverso le potenze occupanti. Per molto tempo la Repubblica Dominicana, che condivide l'isola di Hispaniola con la vicina Haiti, è stata superata da quest'ultima nella coltivazione del caffè. In alcuni periodi, Haiti è stata responsabile di circa la metà della coltivazione del caffè nel mondo. Tuttavia, in seguito all'indipendenza dalla potenza coloniale spagnola, il Paese si è rapidamente impoverito e la produzione di caffè è diminuita. Altri Paesi, tra cui l'idilliaca Repubblica Dominicana, sono riusciti a conquistare il mercato grazie all'industrializzazione della coltivazione.

La coltivazione del caffè nella Repubblica Dominicana

Il piccolo stato insulare, che si trova tra i Caraibi e l'Oceano Atlantico, offre le condizioni ideali per la coltivazione di chicchi Arabica con il suo clima tropicale e le sue estese montagne. Mentre il Nord del paese è interessante soprattutto per i turisti, alcune varietà popolari della pianta Arabica crescono sui pendii delle montagne, che raggiungono i 3000 metri di altezza.

Per molto tempo la coltivazione del caffè è stata messa in ombra da quella della canna da zucchero. In particolare le grandi piantagioni di caffè non esistono da molto tempo. Le molte montagne e il terreno impervio danno vita a molte piccole aziende agricole che formano collettivi e cercano di produrre caffè di alta qualità. I concorsi nazionali, in cui gli agricoltori di diverse regioni mettono a confronto i loro caffè migliori, promuovono la diversità e soprattutto la qualità dei prodotti. I domenicani si sono posti l'obiettivo di produrre caffè speciali, e sono orgogliosi del livello che hanno raggiunto, soprattutto negli ultimi due decenni. Il commercio del caffè sta diventando sempre più importante e anche i dominicani si divertono sempre più con il loro oro nero. Nel frattempo, sono diventati i maggior consumatori del loro caffè, dopo gli Stati Uniti.

I caffè della Repubblica Dominicana

Le varietà Ocoa e Juncalito delle piante di Arabica sono particolarmente conosciute e sono apprezzate dagli intenditori per la loro equilibrata delicatezza e gli aromi cioccolatosi e di frutta secca. Va sottolineato che la maggior parte dei caffè prodotti dalla piccola repubblica sono biologici ed equosolidali. Inoltre, la Repubblica Dominicana è nota anche per il suo pregiatissimo cioccolato!

El Salvador

"Stricktly High Grown" è il miglior caffè che El Salvador abbia da offrire. Anche se non sempre all'altezza della qualità del Costa Rica o del Guatemala, il piccolo Paese si sta sempre più affermando. In El Salvador, grande quasi quanto l’Emilia Romagna, vivono circa sette milioni di persone. Questo fa di El Salvador il Paese più densamente popolato dell'America centrale. Ha molto da offrire, soprattutto per i turisti, con le spiagge da sogno sulla costa del Pacifico, le foreste pluviali, le spettacolari montagne e cascate e una cultura vivace. Se si segue la tortuosa Ruta de Las Flores, ci si rende presto conto che la coltivazione del caffè fa parte della cultura di questo luogo e i coltivatori sono molto orgogliosi dei chicchi che producono.

La coltivazione del caffè in El Salvador

El Salvador è molto montuoso. Le infrastrutture necessarie per la coltivazione industriale del caffè sono per lo più inesistenti, quindi il caffè è coltivato quasi esclusivamente da piccoli coltivatori e la maggior parte delle attività sono svolte a mano. Il fertilizzante artificiale, che è molto costoso rispetto ai guadagni degli agricoltori, per lo più non viene utilizzato. Alla fine del XIX secolo El Salvador era il più grande produttore mondiale di caffè e lo stimolante rinvigorente divenne una parte importante della cultura locale. Ancora oggi la coltivazione del caffè è percepita come un'arte, i coltivatori sono attenti alla qualità e raggiungono regolarmente l’eccellenza.

Qui vengono coltivate solo le piante di Arabica. Crescono sulle pendici della regione di Apaneca-Llamatepec, i pendii che si affacciano sull'Oceano Pacifico. Le grandi escursioni termiche rendono la coltivazione all'interno della regione sempre più difficile. El Salvador è noto per il suo clima avverso. Si coltivano principalmente le varietà Arabica Bourbon, Pacas e Pacamara. Poiché molti dei pendii montuosi di El Salvador sono piuttosto ripidi, l'erosione del suolo è un problema nelle monocolture. Nelle colture miste con banane, frutta e altre piante, l'erosione è impedita dalla forte rete di radici, fornendo allo stesso tempo l'ombra necessaria per la crescita di molte varietà di caffè.

I caffè di El Salvador

I caffè di El Salvador sono descritti come particolarmente armoniosi e delicati. Gli aromi vanno dal cioccolato, agli agrumi e alla dolcezza fruttata. Con un'acidità contenuta e un finale piacevole e persistente, è ormai apprezzato in tutto il mondo.

Guatemala

Il Guatemala è un Paese gravemente scosso dalla guerra civile. Sebbene la situazione si sia in qualche modo stabilizzata, il Paese sta ancora soffrendo le conseguenze dei disordini. Prima della guerra civile, il Guatemala era conosciuto come produttore di ottimo caffè. Da quando molte delle zone di coltivazione sono state distrutte, il Paese sta lentamente ma inesorabilmente cercando di tornare alla vecchia arte di coltivare il caffè. Il caffè è il ramo più importante dell'agricoltura, superato solo dal turismo e dall'industria tessile.

La coltivazione del caffè in Guatemala

La buona reputazione del caffè guatemalteco ha spinto gli Stati Uniti a fornire sostegno finanziario per la ricostruzione della produzione di caffè del Paese.

Oggi si coltivano Arabiche più facilmente commerciabili. Le piante di Arabica vengono innestate sulle radici delle piante di Robusta distrutte dalla guerra. La robustezza delle piante chiamate Coffea Canephora può quindi essere combinata con la buona qualità dei chicchi della pianta di Arabica.

Oltre la metà della superficie è coperta da montagne. Tra gli altri, il vulcano Tajumulco, la più alta elevazione dell'America centrale, offre condizioni eccellenti per la coltivazione del caffè, grazie alla sua fertile cenere vulcanica, al clima tropicale e alle sufficienti precipitazioni.

Si coltivano principalmente Bourbon e Caturra. In pianura, invece, si coltivano anche Robusta in quantità minori.

Caffè del Guatemala

Con un'ampia varietà di aree di coltivazione e condizioni, il caffè del Guatemala non è facile da generalizzare. Il caffè Antigua è particolarmente popolare. Tipico del Guatemala è la speziatura affumicata e, a volte, l’acidità accentuata. È apprezzato per la sua intensità e il buon corpo, il gusto forte persiste in bocca a lungo senza diventare sgradevole. A seconda della regione di coltivazione, si possono rilevare molti aromi diversi, cioccolato, caramello o anche fruttato.

Hawaii

Le Hawaii sono conosciute per molte cose: Surf, acqua blu, spiagge e feste sotto le palme di cocco. Pochi sanno che le Hawaii sono l'unica zona di coltivazione del caffè al mondo che appartiene a uno stato industriale occidentale. Già nel 1817, la pianta del caffè proveniente dal Brasile fu introdotta e coltivata nel 50° stato degli USA. Poiché la coltivazione era inizialmente difficile e in seguito anche ostacolata dai parassiti, la maggior parte delle piantagioni di caffè ha ceduto il passo alle piantagioni di canna da zucchero verso la fine del XIX secolo. Tuttavia, i pochi che perseveravano nella coltivazione del caffè si sono presto resi conto che le condizioni alle Hawaii erano ideali e che la coltivazione del caffè poteva essere utile. Dopo che i prezzi del mercato mondiale del caffè si sono stabilizzati in seguito alla seconda guerra mondiale, la coltivazione del caffè alle Hawaii ha cominciato a prosperare.

La coltivazione del caffè alle Hawaii

Le Hawaii sono composte da diverse isole minori di origine vulcanica. Con un clima tropicale e nuvole vettoriali che coprono il cielo in modo affidabile nel pomeriggio, l'arcipelago offre buone condizioni per la crescita delle piante di caffè. In effetti, le Hawaii sono la zona di coltivazione del caffè più produttiva del mondo. In nessun altro luogo le sofisticate piante di Arabica prosperano così bene come qui. Ciò è dovuto al terreno vulcanico eccezionalmente fertile e al clima ideale.
Si coltivano gli Arabica delle varietà Caturra e Typica e il famoso caffè Kona.

Il caffè Kona è un caffè coltivato in un'area di soli trenta metri per tre sulla "Big Island" hawaiana ed è noto per le dimensioni insolite e l'eccezionale qualità dei suoi chicchi. Con un prezzo di oltre cento euro al chilo, è anche uno dei caffè più costosi al mondo.

Anche gli altri caffè delle Isole Hawaii sono molto costosi. Poiché le Hawaii fanno parte degli Stati Uniti, i salari dei lavoratori delle piantagioni, i prezzi dei fertilizzanti, delle macchine e dei trasporti sono adeguati al livello dei prezzi degli Stati Uniti. Questo rende la produzione di caffè molto costosa.

Grazie alla sua esclusività, il caffè hawaiano si trova molto raramente nelle normali miscele per espresso.

I caffè delle Hawaii

Dal punto di vista del gusto, i chicchi sono descritti come particolarmente corposi e delicati. Aromi molto speciali come cannella, cioccolato al latte, caramello e frutta secca fanno del caffè Kona il caffè più eccitante dell'arcipelago. I veri fans affermano di prepararlo con il metodo "cold-drip".

Honduras

L'Honduras è il Paese del caffè più importante dell'America Centrale. Con i templi Maya, la costa caraibica, le lussureggianti foreste pluviali e le zone di immersione famose in tutto il mondo, l'Honduras attrae molti turisti. La situazione politica del Paese, tuttavia, rende difficile il turismo e anche la coltivazione del caffè. I disordini e la criminalità scuotono questo Paese già abbastanza povero.

Circa l'80% degli abitanti dell'Honduras vive al di sotto della soglia di povertà. La coltivazione del caffè in Honduras Con il suo clima tropicale e la sua variegata geografia montuosa, l'Honduras offre buone condizioni per la coltivazione del caffè. La coltivazione delle piante è iniziata già all'inizio del secolo scorso e i colonialisti si sono presto resi conto che le pianure dell'altopiano potevano produrre un buon caffè.

Oggi, la maggior parte delle piantagioni di caffè sono di proprietà di grandi coltivatori americani. I grandi proprietari terrieri coltivano caffè di buona o cattiva qualità in grandi monocolture; l'elevata piovosità ostacola anche la lavorazione a secco. I lotti di bassa qualità non sono insoliti a causa del clima umido. La popolazione del Paese non ne beneficia. Mentre i grandi proprietari terrieri lasciano a maggese più della metà della superficie agricola utilizzabile del Paese, molti piccoli agricoltori locali non hanno abbastanza terreno per mantenersi e molti altri non hanno affatto una terra e devono guadagnarsi da vivere come lavoratori stagionali. L'iniziativa per ridistribuire i terreni inutilizzati è fallita.

Il caffè dell'Honduras

Con le piccole iniziative di recente fondazione che beneficiano del commercio equo e solidale, la coltivazione del caffè in Honduras si sta comunque sviluppando lentamente ma inesorabilmente. Soprattutto in questo Paese, il commercio equosolidale diretto è l'unico modo per aiutare in modo sostenibile. Per un buon caffè, la regione "Marcela" è molto conosciuta. In particolare le Arabiche "Stricktly High Grown", che crescono in Honduras fino a 2000 metri sul livello del mare, hanno una buona reputazione. Una piacevole acidità e aromi particolarmente raffinati e speziati come frutta, legno e frutta secca sono tipici delle Arabiche dell'Honduras.

Giamaica

Sebbene il caffè non costituisca una parte particolarmente importante dell'economia giamaicana, è famoso in tutto il mondo. Soprattutto il Jamaica Blue Mountain si è fatto un nome come caffè di alta qualità ed è quindi venduto a prezzi altissimi. Se vuoi provare il secondo caffè più costoso del mondo, devi fare i conti con più di centoventi euro al chilo.

La storia del caffè giamaicano risale a tempi sorprendentemente antichi. Il primo impianto arrivò sull'isola con l'allora governatore già nel 1728, e solo cento anni dopo il Paese caraibico produceva 15.000 tonnellate di caffè verde. A causa di vari fattori, come il deterioramento dei rapporti commerciali con i Paesi acquirenti e l'erosione delle piantagioni monocolturali, la produzione è diminuita notevolmente. Oggi la Giamaica esporta soprattutto zucchero e rum e vive di turismo.

Alla fine del XIX secolo, gli sforzi iniziarono a ripristinare la buona reputazione del caffè giamaicano. Sono state promulgate diverse leggi che hanno portato all'istituzione dell'attuale Autorità del caffè.

La coltivazione del caffè in Giamaica

Le montagne della Giamaica sono ideali per la coltivazione del caffè. Il Paese, che si trova in una zona a clima tropicale, dispone di una buona infrastruttura rispetto a molti altri paesi produttori di caffè e di un'autorità che garantisce il rispetto rigoroso dei requisiti di qualità e sostenibilità della coltivazione. Le varietà di Arabica, coltivate principalmente in montagna nel centro del Paese, raggiungono l’eccellenza.

A parte la varietà Typica, il caffè Blue Mountain è particolarmente noto ed è considerato il portabandiera dei caffè giamaicani. Così come accade per lo champagne, solo il caffè che proviene da una regione ben definita può chiamarsi "Blue Mountain". Tra i 900 e i 15000 metri sul livello del mare, cresce sulle pendici delle cosiddette Blue Mountains, il nome deriva dalla nebbia bluastra che spesso appare di fronte ai pendii della montagna al mattino. La nebbia mantiene fresche le piante di caffè e garantisce un clima molto uniforme. La maturazione delle bacche di caffè richiede quindi quasi il doppio del tempo, fino a dieci mesi. Le ciliegie, che qui crescono particolarmente grandi, vengono raccolte e selezionate a mano, valutate dall'autorità del caffè e poi esportate per lo più in Giappone.

Per inciso, il Blue Mountain viene tostato esclusivamente sul posto e viene trasportato in barili di legno, non in sacchi come gli altri caffè.

Caffè giamaicano

Il Blue Mountain giamaicano è caratterizzato da un gusto particolarmente vario ed emozionante. Con il suo corpo pieno, la sua piacevole dolcezza e la bassa acidità, oltre ai numerosi aromi, è una vera e propria esperienza gustativa.

Cuba

Tutti conoscono i sigari cubani. Ma il caffè cubano? In Germania viene considerato una rarità. Il viaggio del caffè a Cuba è turbolento almeno quanto la storia cubana stessa. Alla fine del XVIII secolo, disordini e rivolte di schiavi imperversano nei Caraibi. Dei contadini francesi sono stati costretti a fuggire e alla fine sono sbarcati – con il loro caffè e qualche piantina nel loro bagaglio - a Cuba. Ben presto divenne chiaro che Cuba, con il suo clima tormentato e le numerose isole montuose, offriva buone condizioni per la coltivazione del caffè e così nacque la produzione di caffè cubano. Soprattutto fino alla rivoluzione cubana degli anni '50, Cuba esportava grandi quantità di caffè, canna da zucchero e tabacco. Gli embarghi commerciali e lo spostamento delle relazioni commerciali globali, dovuti alla caduta dell'Unione Sovietica, hanno ridotto notevolmente il volume delle esportazioni. Oggi quasi tre quarti del caffè cubano rimane nel Paese.

La coltivazione del caffè a Cuba

Con un terreno eccezionalmente fertile e un clima molto particolare nelle valli e sui pendii montuosi delle circa 4000 isole, per lo più piuttosto montuose, Cuba offre condizioni eccellenti per la coltivazione del caffè.

La maggior parte delle piantagioni è costituita principalmente da piante di Arabica, la Robusta è coltivata solo raramente. Il clima temperato su pendii medi e il clima variegato con sufficiente ombra producono dei buoni chicchi, ma non tutti i caffè cubani sono di alta qualità, molti dei piccoli agricoltori sono ancora nei primi anni di coltivazione e stanno ancora imparando il mestiere.

La ripresa della coltivazione del caffè a Cuba è dovuta principalmente ai programmi di sostegno governativi e agli aiuti provenienti da Paesi come il Vietnam, dove la coltivazione del caffè sta attualmente assumendo proporzioni inimmaginabili. Quantità notevoli sono state raggiunte solo a partire dagli anni 2000.

Caffè cubano

Il caffè cubano viene venduto in Germania principalmente da piccoli partner diretti del commercio equo e solidale. Raramente è incluso nelle normali miscele per espresso.

A causa delle particolari condizioni di coltivazione, alcuni caffè cubani hanno aromi speziati e fumosi, che a volte ricordano persino il legno o il tabacco. Particolarmente noto in questo senso è il Turquino, una specialità di caffè che ricorda i sigari cubani. I chicchi Arabica di Cuba, che maturano abbastanza a lungo nelle zone di media pendenza, sono caratterizzati da un corpo pieno e da una fine acidità. A causa dell'osmosi durante il lungo processo di maturazione, alcuni dei caffè cubani diventano molto dolci, quindi hanno un sapore molto intenso accompagnato dagli altri aromi.

I cubani stessi lo apprezzano particolarmente: dolce, forte, intenso, e soprattutto mai mentre si cammina, perché a Cuba il caffè è ancora un bene di lusso relativamente costoso che non tutti possono permettersi!

Nicaragua

Il Nicaragua entrò in contatto con il caffè per la prima volta nel 1790. Alcuni missionari cattolici portarono con sé diverse piantine e coltivarono piccole quantità di caffè per uso personale. Quando, nel secolo successivo, la domanda mondiale di caffè salì alle stelle, anche i nicaraguensi iniziaroon a coltivare caffè in quantità esportabili. Nel 1870 il caffè era diventato il prodotto di esportazione più importante del Paese. Come in molti altri Paesi dell'America centrale, la coltivazione del caffè è stata frenata dalla guerra civile degli anni Ottanta. Le esportazioni verso gli USA furono proibite e molti dei proprietari di grandi piantagioni fuggirono all'estero.

La coltivazione del caffè in Nicaragua

Con il suo clima subtropicale e le montagne di Isabelia al centro del Paese, il Nicaragua offre ottime condizioni per la coltivazione delle piante di caffè.

Oggi, circa due terzi del caffè nicaraguense sono coltivati in Isabelia. Qui si coltivano principalmente Arabiche, soprattutto le popolari varietà Bourbon o Pacarama. Sono per lo più coltivate da piccole aziende agricole a conduzione familiare su cosiddette Fincas, in colture miste con molta ombra. Poiché molte delle Fincas si trovano nelle profondità delle montagne, e quindi anche nella giungla, sono utilizzate come mezzi di trasporto anche delle bestie da soma talvolta. Solo poche sono raggiungibili in auto.

A causa delle condizioni di vita moderate e dei bassi redditi dei contadini, molti dei caffè di montagna del Nicaragua sono involontariamente prodotti organici, poiché costosi fertilizzanti artificiali o pesticidi possono permetterseli in pochi. La situazione alle pendici delle montagne è un po' diversa. Qui, dopo la guerra civile, alcune delle grandi imprese industriali, chiamate anche Hacienda, sono state fatte rivivere con piante sia di Arabica che di Robusta.

La Germania ottiene grandi quantità di caffè dal Nicaragua, la maggior parte proviene da grandi aziende agricole, ma purtroppo la qualità non è sempre convincente.

Caffè nicaraguense

Tuttavia il Nicaragua produce buoni caffè che vincono le competizioni internazionali. A volte sono difficili da trovare e la qualità delle piccole aziende agricole che producono buoni chicchi può variare di anno in anno. Particolarmente degni di nota sono i caffè che crescono all'ombra, che maturano sulle pendici delle Isabelia del Nicaragua in colture miste e diventano particolarmente aromatici grazie all'ambiente uniformemente temperato e ombreggiato. Con una qualità che può certamente essere descritta come una specialità di caffè, è caratterizzato da una piacevole dolcezza con aromi di cioccolato o caramello e da un corpo pronunciato con poca acidità.

Panama

Panama è conosciuta in tutto il mondo soprattutto grazie al Canale di Panama. Con il suo clima tropicale, la biodiversità particolarmente elevata, la giungla e le spiagge di sabbia bianca, il Paese attira anche i turisti più curiosi.

Panama non può essere definito un classico paese del caffè. All'inizio del XVIII secolo, i preziosi chicchi sono stati portati per la prima volta nel Paese dai coloni e da allora sono stati coltivati principalmente nella parte occidentale del territorio. Le esportazioni di caffè non hanno mai raggiunto quantità significative, ancora oggi la piccola nazione esporta solo piccole quantità. Oltre all'olio, ai gamberetti e allo zucchero, il caffè si è sviluppato in un ramo importante dell'economia, soprattutto negli ultimi anni, che attualmente sta crescendo come nessun altro.

La coltivazione del caffè a Panama

La maggior parte dei caffè di Panama sono coltivati in piccole piantagioni. Le famiglie locali, sorprendentemente spesso europee, che sono per lo più discendenti di famiglie coinvolte nella costruzione del Canale di Panama e che hanno goduto di un'istruzione relativamente buona, hanno sempre più successo nella gestione delle loro piccole Fincas, soprattutto nella parte occidentale del Paese, al confine con il Costa Rica. Qui non ci sono grandi imprese industriali.

Su pendii con terreni fertili e vulcanici, vengono coltivate varietà di Arabica della Caturra, Typica o, più recentemente, Geisha. In culture miste particolarmente diverse, con piante e animali autoctoni e per lo più anche in assenza di acqua artificiale, i cespugli di caffè prosperano su un'area relativamente piccola e a volte producono chicchi di altissima qualità. Panama sta cercando sempre più di diventare un Paese noto per la sua speciale qualità.

I concorsi interni del caffè stanno attirando sempre più l'attenzione internazionale e molti coltivatori stanno ora prestando attenzione alla coltivazione ecologica e naturale dei loro chicchi e stanno beneficiando del commercio equo e solidale diretto. Inoltre, molti degli indiani nativi di N'gobe Bugle sono impiegati nelle piantagioni. Le condizioni di lavoro e i salari a Panama sono superiori alla media centroamericana.

Caffè panamense

Il caffè Geisha ruba la scena a tutti gli altri caffè panamensi. Essendo il caffè più costoso del mondo, ha suscitato un grande entusiasmo, soprattutto in Asia, e ha reso Panama famosa come paese del caffè.

Geisha è una variante della pianta Coffea Arabica, che proviene dalla vicina montagna Geisha in Etiopia ed è particolarmente resistente alla temuta ruggine del caffè. Con un gusto molto speciale, i chicchi Geisha raggiungono prezzi incredibili fino a 1200$ al chilogrammo! Sono caratterizzati da una spettacolare varietà di aromi con un corpo quasi inesistente. Aromi particolarmente dolci e floreali spiccano come in nessun altro caffè.

I bevitori di caffè sono di solito sorpresi da questo, perché il Geisha sa di caffè solo alla lontana. Proprio per questo è diventato molto diffuso e ricercato nei tradizionali Paesi che bevono il tè in Giappone e in Cina.

Anche i caffè "normali" di Panama sono descritti come piuttosto delicati ed equilibrati. Con la sua sottile acidità e i suoi aromi floreali, continuerà a deliziare i clienti internazionali anche in futuro.

Porto Rico

In realtà, Porto Rico è conosciuto in tutto il mondo per il caffè. Poco più di cento anni fa, il piccolo stato insulare era il più grande produttore di caffè del mondo. Poiché l'isola ha delle bellissime spiagge caraibiche, uno standard di vita relativamente alto e una cultura unica da offrire, il turismo in particolare è oggi l'ancora di salvezza di Puerto Rico.

Il caffè sta diventando sempre meno importante rispetto all'industria tessile, alla produzione di rum e zucchero. Ciò è dovuto principalmente al fatto che i prezzi del caffè sono diminuiti negli ultimi decenni, mentre quelli degli altri prodotti sono aumentati. Inoltre, Porto Rico è un territorio periferico degli Stati Uniti, il livello dei prezzi, l'istruzione e l'assistenza sanitaria superano quello di tutti gli altri stati caraibici. Gli alti salari del paese rendono spesso molto costosa la coltivazione del caffè. Recentemente, con l'aiuto dei sussidi americani e di intelligenti campagne di marketing, i coltivatori di caffè stanno cercando di rilanciare la produzione del famoso caffè portoricano.

La coltivazione del caffè a Porto Rico

A Porto Rico si coltivano principalmente Arabica delle varietà Typica, Bourbon e Catimor. In piccole piantagioni, per lo più gestite da singole famiglie, crescono in culture miste ben concepite.

A differenza di altri Paesi dell'America centrale e dei Caraibi, qui si fa attenzione che le colture miste contengano il maggior numero possibile di piante utili; l'efficienza delle piantagioni è quindi superiore alla media. A causa degli alti salari del paese, i costi di produzione sono comunque molto elevati; vale ancora la pena coltivare solo caffè di altissima qualità.

Con una cultura del caffè molto vivace e personale e numerosi turisti, Puerto Rico ha un consumo di caffè molto elevato e può coprire solo un terzo circa del suo consumo con la propria produzione. Circa due terzi sono importati da altri paesi. Vengono quindi esportate solo piccole quantità di caffè portoricano.

Caffè portoricano

Il caffè portoricano è molto apprezzato dagli intenditori nonostante il calo della produzione. Alcuni lo descrivono addirittura come il migliore al mondo! Nel complesso, è caratterizzato da un’acidità sottile e da un corpo pieno e persistente con poca o nessuna amarezza. Di particolare interesse sono gli aromi insoliti, che vanno dal cedro alla mandorla e all'erba.