Forti e a bassa acidità: i migliori caffè di Napoli a un prezzo scontato | Offerta della settimana: set da degustazione Napoletano con il 15% di sconto
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Caffè biologico e equo-solidale

Caffè biologico ed equo e solidale: ne vale la pena?

Oggi lo si può trovare ovunque, il caffè equo e solidale da produzione biologica. Ma il commercio biologico ed equo e solidale ne vale davvero la pena? In sostanza: sì, ma soprattutto se è il più diretto possibile. Anche se diversi prodotti del Commercio Equo e Solidale sono recentemente andati male, l'intenzione di produrre caffè equo e solidale da una produzione sostenibile è giusta e importante! 

 

Cos'è il commercio equo e solidale? 

Il commercio equo e solidale (FairTrade) è probabilmente l'iniziativa di sigillo più conosciuta nel suo genere. L'organizzazione mondiale si rivolge a intermediari, importatori ed esportatori con condizioni rigorose per quanto riguarda i prezzi da pagare e cerca di mantenere prezzi equi a beneficio degli agricoltori e dei produttori all'estremità più povera della catena di produzione. Un livello di prezzo elevato e stabile, in particolare, è molto più facile da gestire per le piccole cooperative rispetto all'imprevedibile fluttuazione del prezzo del caffè sul mercato mondiale. Il caffè e gli altri prodotti conformi a queste linee guida ricevono il noto sigillo blu-verde. 

 

Cosa significa il certificato biologico?


Il certificato biologico è un sigillo di qualità che garantisce al cliente, attraverso un marchio sulla confezione, che il caffè è stato prodotto senza fertilizzanti chimici o pesticidi e quindi proviene da agricoltura biologica. Soprattutto nei paesi produttori, i forti pesticidi e i diserbanti sono un pericolo reale per i piccoli agricoltori e i lavoratori, che spesso sono esposti alle sostanze cancerogene senza protezione. Il più diffuso nel nostro Paese è il rigoroso marchio biologico dell'UE, che viene monitorato da varie organizzazioni in tutto il mondo. Il marchio biologico dell'UE viene assegnato solo ai prodotti che contengono almeno il 95% di caffè coltivato secondo lo standard biologico dell'UE (EG-Öko-Norm).

 

Rainforest Alliance

Rainforest Aliance
Non solo complimenti, ma ultimamente sono state espresse soprattutto critiche per i prodotti biologici e del commercio equo e solidale. Entrambi sono diventati sempre più popolari e i loro metodi e criteri non sono sempre abbastanza trasparenti da comprendere i benefici per le persone che si trovano nella parte più povera del ciclo del caffè.

La Rainforest Alliance, in particolare, vuole dare l'esempio non solo garantendo una certa qualità con il suo sigillo, ma soprattutto promuovendo la sostenibilità nei paesi in cui il caffè viene coltivato attraverso la formazione dei coltivatori.

 

A differenza delle altre iniziative di sigillo, la Rainforest Alliance non paga prezzi garantiti ai produttori. Formando gli agricoltori e sostenendo attivamente la produzione, la Rainforest Alliance mostra alle persone come possono affermare la propria indipendenza attraverso un'agricoltura di successo e sostenibile sul mercato mondiale.

Grazie a rigorose linee guida ambientali e al ritorno a colture miste equilibrate, si ottiene una tutela ambientale sostenibile e un'agricoltura produttiva senza fertilizzanti sintetici o pesticidi. Anche le specie animali locali traggono vantaggio dagli habitat naturali così creati, determinando un valore aggiunto sostenibile per l'ambiente, l'uomo e la coltivazione del caffè.



GEPA Fair plus

Gepa-Fair-Plus

GEPA è stata creata nel 1975 da una combinazione tra Kirchlichen Entwicklungsdienst (KED), Misereor e l’allora appena nata Arbeitsgemeinschaft der Dritte Weltläden.

Nel 1986 GEPA introduce il primo caffè biologico in Germania.

Nel 1990 GEPA fa pressione sulle associazioni di agricoltori biologici a livello internazionale per garantire che condizioni di vita e di lavoro eque siano parte integrante dell'agricoltura biologica. Con successo! Oggi gli standard di Naturland non includono solo criteri ecologici ma anche sociali.

Nel 1997 riceve il premio per l'imballaggio del caffè senza alluminio. I criteri erano l'innovazione, il design e la compatibilità ambientale.

Questa cronologia di successo potrebbe continuare all'infinito. GEPA ha fissato i propri standard elevati ben oltre i requisiti dei normali marchi di qualità.

Sulle confezioni dei suoi nuovi prodotti, GEPA si concentra quindi sul suo logo come marchio e rinuncia in larga misura al sigillo del commercio equo e solidale. Con il segno aggiuntivo "Fair +", richiama l'attenzione sul suo lavoro pionieristico e sull'obiettivo di raggiungere qualcosa di più dei criteri generali del commercio equo e solidale. 

Cos'è il commercio equo e solidale diretto? 

Tutti parlano oggi del nuovo Direct Fairtrade. Ma cos'è in realtà? E in cosa si differenzia dal commercio equo e solidale convenzionale? Il commercio equo e solidale diretto è davvero il commercio più equo?

Si può essere veramente sicuri di come viene fatto il caffè solo se si è sicuri della sua provenienza. Oggi, come mai prima d'ora, la globalizzazione ci permette di imparare qualcosa sul nostro caffè.

Caffè equo solidale diretto

Nessun confronto 

Poiché i caffè dal commercio diretto sono di solito costosi, spesso sono associati a specialità di caffè. Il commercio diretto permette spesso di determinare, al di là di ogni dubbio, da quale piantagione provengano i chicchi in questione, perché hanno un determinato sapore e cosa li rende speciali. Il commercio diretto non è quindi in genere in concorrenza diretta con il logo del commercio equo e solidale, in quanto i caffè sono in categorie di prezzo completamente diverse. 

 

E qual è la cosa migliore? 

Caffè Orang UtanIn breve: Commercio equo e solidale diretto.

Il commercio equo e solidale diretto è il commercio del caffè senza intermediari. Numerose piccole cooperative e microagricoltori beneficiano di un rapporto diretto con il torrefattore, che elimina costosi intermediari.

Le possibilità di promuovere la sostenibilità su piccola scala e di evitare danni ambientali sono molto migliori in questo caso, poiché i coltivatori ricevono prezzi significativamente superiori alla media per il loro caffè e hanno maggiori probabilità di potersi permettere finanziariamente la salvaguardia dell'ambiente rispetto agli altri coltivatori che vivono a livello di sussistenza.

La Germania sta ora cercando di dare il suo contributo anche al commercio equo e solidale diretto. Nel 2007 le tasse sul caffè sono state ridotte o addirittura completamente abolite per alcuni Paesi in via di sviluppo selezionati.

Solino, ad esempio, viene tostato nel suo Paese d'origine, l'Etiopia, e raggiunge il nostro negozio attraverso il commercio equo e solidale diretto. Anche il già noto caffè ORANG-UTAN è un grande progetto di caffè.

Anche se il Direct FairTrade non è un sigillo di per sé, è un impegno serio da parte di tutti i soggetti coinvolti.

Tracciabilità è la parola chiave per il supporto sostenibile dei produttori. Quindi la cosa migliore da fare è comprare il caffè del quale si sappia la provenienza.