15% di sconto su Mocambo Gran Bar | 10% di risparmio sul set premiato con l'oro
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Lo sviluppo del caffè

L'oro nero arriva in Europa

I viaggiatori in Medio Oriente sono stati i primi europei a conoscere i vantaggi del caffè. Inizialmente solo scrivendo e parlando di esso, in seguito prendendo i chicchi di caffè tostati come popolare
souvenir, infine importandolo attraverso il porto di Venezia, gli europei cominciarono da subito ad amare la nuova bevanda alla moda proveniente dall'Arabia.

La prima caffetteria aperta a Venezia nel 1647, situata nella famosa Piazza San Marco, iniziò a importare chicchi di caffè non tostati ma già essiccati, perché i chicchi tostati perdevano molto del loro sapore durante il lungo viaggio. Proprio in questo stesso bar di Venezia, iniziarono poi a tostare il loro caffè, fondando la cultura italiana della torrefazione, oggi famosa in tutto il mondo. Qui hanno inventano per la prima volta anche il termine Espresso.

Anche se Vienna è spesso considerata il luogo di nascita della cultura europea del caffè, i loro primi caffè hanno aperto quarant'anni e molte città dopo Venezia. La prima caffetteria di Vienna fu aperta da un armeno che si impadronì per sbaglio di 50 sacchi di caffè avanzati dall'assedio di Vienna, che non ebbe successo.

Grazie all'impegno della British East India Company e della Dutch East India Company, il caffè divenne ampiamente disponibile anche in Inghilterra all'inizio del XVII secolo. Una delle prime caffetterie britanniche, la Queen's Lanes Coffeehouse di Oxford, esiste ancora oggi.

Nel corso dell'espansione delle potenze coloniali europee, il caffè conquistò il mondo intero. L'America Latina, l'Asia, la maggior parte dell'Africa e altre aree tropicali e subtropicali di tutto il mondo si rivelarono essere ottime case per le piante di caffè. Il caffè prodotto e importato dai colonialisti europei si impadronì rapidamente del mercato e le ex colonie come il Brasile dominano ancora oggi il settore del caffè. 

Nome e Reputazione

Il caffè venduto come Mocca o Mocha non è sempre all'altezza dell'alta qualità che il suo famoso nome può suggerire. Proprio come il popolare "Brazil Santos", che non è il nome di un certo tipo di chicco di caffè, ma il nome di uno dei più grandi porti di caffè del Brasile, il caffè Mokka prende il nome dalla città Mokka. Un altro esempio per le etichette che ingannano i clienti è la popolare frase "chicchi 100% Arabica". I chicchi di Arabica sono disponibili in tutti i livelli di qualità. Solo il 5% della produzione mondiale di Arabica è effettivamente considerata di alta qualità.