15% di sconto su Mocambo Gran Bar | 10% di risparmio sul set premiato con l'oro
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Il caffè come prodotto commerciale

Il caffè come prodotto commerciale

Il caffè è uno dei prodotti più importanti del commercio mondiale condizionati dal mercato. L'offerta e la domanda ne determinano il prezzo.
Qui vengono illustrati i canali e i sistemi di commercializzazione nei Paesi produttori.
Le condizioni di trasporto, importazione ed esportazione completano il quadro.

>>>Menu 1
1.1 Il caffè: un'importante prodotto agricolo
1.2 La commercializzazione nel Paese di produzione
1.3. Sistemi e canali di commercializzazione
1.4. L'effetto delle politiche internazionali e nazionali sui prezzi del caffè
1.5. I Paesi produttori e il loro consumo interno
1.6. L'esportazione del caffè
1.7. Quantità e composizione delle esportazioni
1.8 Il caffè come bene di trasporto
1.9. I Paesi importatori e la loro domanda
1.10. Tasse e dazi sull'importazione


1.1 Il caffè: un'importante prodotto agricolo
Il caffè è oggi coltivato in più di 70 Paesi. Tra le colture da piantagione, svolge il ruolo più importante. Con questo termine si intendono le colture tropicali perenni di alberi e arbusti come il cacao, il caffè, il tè, la gomma, le banane, la juta, l'olio di palma, l'olio di cocco, lo zucchero e la copra. Queste colture vengono praticate sia su larga che su piccola scala.

Anche se le colture perenni da piantagione, con circa 130 milioni di ettari coltivati, rappresentano solo una quota relativamente bassa, poco meno dell'8%, dei 1.532 milioni di ettari di terreno coltivato in tutto il mondo (fonte: Statista, 2018 ), forniscono beni di esportazione estremamente importanti per i Paesi produttori e offrono quindi anche posti di lavoro. I Paesi in via di sviluppo hanno una quota particolarmente elevata nelle esportazioni di questi prodotti. Ad eccezione dello zucchero, rappresentano oltre il 90% delle esportazioni mondiali degli altri prodotti elencati.

Il caffè è attualmente coltivato su una superficie di oltre 10,5 milioni di ettari (fonte: Statista, 2018). La coltivazione è ad alta intensità di lavoro. Si stima che il caffè dia lavoro a 20-25 milioni di persone nei Paesi di coltivazione. Il caffè svolge un ruolo centrale nel tenore di vita, nel tessuto sociale e nello sviluppo di molte famiglie. Il caffè è il motore dello sviluppo economico. È grazie al commercio del caffè che è possibile guadagnare qualcosa. Per la cosiddetta agricoltura di sussistenza, comune a molte regioni produttrici di caffè, è caratteristico che i restanti prodotti agricoli autoprodotti servano solo a coprire il proprio fabbisogno. Inoltre, la coltivazione del caffè lega le persone all'habitat incentrato sulla terra e quindi impedisce loro di fuggire dal Paese. In tutto il mondo, il sostentamento di non meno di 100 milioni di persone dipende dal caffè.

Con le esportazioni di caffè, i Paesi produttori generano una parte centrale dei loro guadagni in valuta estera, di cui hanno bisogno per importare beni di consumo e di investimento o che possono utilizzare per saldare i loro debiti. Rispetto ad allora, oggi il reddito derivante dalle esportazioni di caffè contribuisce a più del 25% dei guadagni da esportazione solo in quattro Paesi. Sia lo sviluppo economico che la crescente individualità hanno reso le esportazioni più diversificate. Inoltre, i prezzi bassi hanno ridotto i ricavi.

Il 95% del caffè viene esportato in forma grezza, mentre il restante 5% è costituito da prodotti lavorati come il caffè istantaneo e il caffè tostato.

 

Circa il 75% del caffè prodotto viene esportato. Le forti fluttuazioni dei prezzi lasciano tracce visibili nella bilancia dei pagamenti dei Paesi produttori. Nel 1986, le esportazioni di caffè hanno fruttato a livello mondiale la cifra record di oltre 14 miliardi di dollari. Dal 1985 al 1992, la media è stata di 8,5 miliardi di dollari all'anno; più del doppio di quanto guadagnato dai due prodotti tropicali concorrenti, il tè e il cacao (1,6 miliardi di dollari all'anno). Nel 1993, i guadagni in valuta estera del caffè sono scesi sotto i 6 miliardi di dollari. Di conseguenza, il caffè è sceso dal secondo posto (dopo il petrolio) all'ottavo posto nell'elenco dei più importanti prodotti di esportazione dei Paesi produttori. L'aumento dei prezzi del caffè verde a partire dal 1994 ha riportato i guadagni delle esportazioni a 12 miliardi di dollari USA. Ciò ha permesso al prodotto di riguadagnare una posizione di rilievo nella bilancia delle esportazioni mondiali. Dal 1999 in poi, tuttavia, i ricavi sono scesi nuovamente a poco meno di 10 miliardi di dollari USA e sono stati solo 4,9 miliardi di dollari USA nell'annata caffearia 2001/2002.

 

 

"Quality Improvement Programme" dell'Organizzazione internazionale del caffè

Il "Quality Improvement Programme”, previsto dalla Resolution 407 dell'OIC, è stato lanciato nell'ottobre 2002. Questo programma è considerato lo strumento principale per migliorare la situazione del mercato del caffè. La qualità del caffè verde deve essere migliorata escludendo dall'esportazione le qualità di caffè inferiori a uno standard minimo. L'obiettivo di questo miglioramento della qualità è quello di aumentare i prezzi del caffè verde sul mercato mondiale a lungo termine, il che dovrebbe portare a un aumento dei guadagni in valuta estera. L'ICO sta conducendo un'intensa attività di contenzioso per far rispettare questo programma. Alcuni Paesi produttori hanno già attuato la direttiva. Resta da vedere in che misura si riuscirà a far sì che tutti i Paesi aderiscano alla decisione, essendo volontaria.

Menu 1<<<

1.2 La commercializzazione nel Paese di produzione
La commercializzazione del caffè può essere organizzata in modo molto individuale nel Paese di produzione. Il modo in cui il caffè passa dalla piantagione alla torrefazione o all'esportazione è il risultato di processi sociali, storici, politici e geografici.

Menu 1<<<

1.3 Sistemi e canali di commercializzazione

A seconda della varietà di caffè, delle dimensioni e del tipo di piantagione e della lavorazione, cioè se si utilizza la lavorazione a secco o a umido, si creano canali di vendita molto diversi. In linea di massima, i seguenti soggetti possono essere coinvolti nella commercializzazione del caffè: cooperative, coltivatori, trasformatori, esportatori e commercianti. A seconda delle circostanze, questi gruppi di persone svolgono una o più funzioni: Ad esempio, il coltivatore si occupa di tutte le fasi fino all'esportazione, oppure l'esportatore lavora anche il caffè perché dispone delle strutture adeguate. Di norma, quanto più piccole sono le strutture produttive, tanto più lunghi sono i canali di commercializzazione. Storicamente, il caffè proviene principalmente da grandi piantagioni e viene venduto direttamente ai commercianti internazionali. Il numero crescente di piccole aziende agricole, l'importanza della coltivazione del caffè per la stabilizzazione delle strutture rurali e le esportazioni di caffè come fonte di valuta estera hanno dato origine a complicati sistemi di commercializzazione.

1.3.1 Il mercato libero
A porsi in contrasto del mercato controllato, si è affermato il mercato libero. In questo caso, il produttore decide quando, cosa, in quali quantità e a chi vendere. I coltivatori, le cooperative, i commercianti e i centri di macinazione sono responsabili della finitura e del confezionamento del caffè in quantità esportabili. Le istituzioni statali o parastatali si limitano a incoraggiare e consigliare, coordinare ed esercitare un controllo limitato.

1.3.2 Commercializzazione controllata
Dalla fine degli anni '80 / inizio anni '90, la commercializzazione è stata liberalizzata in quasi tutti i Paesi produttori. Le istituzioni statali o semi-statali si sono rivelate sempre più inefficienti, costose e poco competitive.

In passato, queste istituzioni stabilivano i prezzi di acquisto del caffè verde e a volte agivano come unico acquirente e venditore/esportatore. Ad esempio, i "Marketing Boards" controllavano il processo di commercializzazione nei Paesi africani di lingua inglese. Il produttore di caffè veniva pagato in base al ricavo medio delle vendite. Nei Paesi africani francofoni, la "Caisse de Stabilisation" (tradotto:Fondo di stabilizzazione) stabiliva il prezzo da pagare ai coltivatori di caffè. Inoltre, regolavano i margini dei costi di distribuzione e trasporto fino alla spedizione del caffè. In America centrale e meridionale, le istituzioni e gli enti parastatali dei piantatori aiutavano a organizzare l'acquisto di caffè verde. In questo modo è stato possibile stabilire dei prezzi minimi di acquisto per i piantatori. Ulteriori variazioni di prezzo erano legate all'andamento del mercato. Era a discrezione dei produttori vendere il caffè a istituzioni private o al rispettivo istituto. Inoltre, queste aziende offrivano una serie di servizi, come cura della qualità, consulenza, assistenza tecnica, prestiti, ricerca, capacità di stoccaggio, programmi di reimpianto e personalizzazione. Attualmente, solo in Colombia la "Federación Nacional de Cafeteros" partecipa ancora al mercato in questo modo, e la sua importanza sta diminuendo.

L'approccio teorico di tutti i sistemi che hanno lavorato con i prezzi minimi di acquisto è stato quello di svolgere una funzione di ammortizzazione tra le quotazioni fortemente fluttuanti del mercato mondiale e i prezzi costanti e ragionevoli per il produttore. Ciò avveniva attraverso determinati prelievi o sovvenzioni.


Menu 1<<<


1.4 L'effetto delle politiche internazionali e nazionali sui prezzi del caffè
Il caffè rimane uno dei prodotti più importanti esportati dai Paesi in via di sviluppo. L'industria del caffè crea nuovi posti di lavoro, fornisce reddito e unisce le persone alle aree rurali. Ogni variazione del prezzo del caffè riduce o aumenta i ricavi delle esportazioni, intervenendo direttamente sullo sviluppo socio-economico dei Paesi produttori.

Queste interconnessioni fanno sì che ci siano sempre influenze a livello politico per intervenire in modo orientativo sui prezzi e sui flussi delle materie prime, perché la coltivazione e l'esportazione del caffè sono solitamente caratterizzate da instabilità e, a causa della tendenza alla sovrapproduzione, da debolezza dei prezzi. Per risolvere questi problemi, si è cercato molto presto di influenzare l'offerta e la domanda attraverso interventi sul mercato, in modo da far evolvere costantemente i prezzi e aumentarne il livello. L'idea di falsificare l'offerta per stabilizzare i prezzi non solo ha portato alla creazione di programmi nazionali di produzione e commercializzazione del caffè, ma anche alla nascita di cartelli di produttori e di vari accordi sul caffè stipulati tra Paesi produttori e consumatori.

 

>>> Sottomenu 1.4
1.4.1 Le politiche nazionali relative al caffè nei Paesi produttori
1.4.2 Organizzazione internazionale del caffè (ICO) / Accordo internazionale sul caffè (ICA)
1.4.3 La cooperazione tra produttori come strumento di stabilizzazione dei prezzi


Menu 1<<<

1.4.1 Le politiche nazionali relative al caffè nei Paesi produttori
Le politiche nazionali in materia di caffè di un Paese produttore possono influenzare i volumi di produzione, ad esempio orientando gli investimenti. In alcuni casi, possono essere forniti assistenza tecnica, stoccaggio governativo, risorse finanziarie e servizi di marketing per i piccoli produttori di caffè. La promozione della qualità sta diventando sempre più importante. La tendenza è quella di privilegiare la qualità rispetto alla quantità. La fissazione di prezzi minimi di acquisto è ormai un ricordo del passato.

Le tasse sulle esportazioni sono un'importante fonte di reddito per i Paesi produttori. Il denaro contribuisce allo sviluppo economico del Paese, al pagamento del servizio del debito, al finanziamento di programmi di individualizzazione agricola o al miglioramento delle infrastrutture per un'economia del caffè efficiente. Anche le imposte sul reddito delle persone che lavorano nel settore del caffè e altre imposte sostenute per la produzione e la distribuzione del caffè sono fondi che sostengono il bilancio nazionale.

Naturalmente, le politiche nazionali sul caffè non possono sfuggire alle influenze degli accordi internazionali o di altre tendenze strutturali. In passato, ad esempio, gli accordi internazionali sul caffè, con i loro meccanismi di quote e prezzi, richiedevano l'implementazione delle normative dei Paesi membri nella legislazione nazionale.

Menu 1<<<
Sottomenu 1.4 <<<

1.4.2 Organizzazione Internazionale del Caffè (ICO) / Accordo Internazionale sul Caffè (ICA)
La comunicazione tra i Paesi importatori e quelli esportatori sulla possibilità di adottare misure congiunte di sostegno dei prezzi è iniziata già alla fine degli anni Cinquanta. Nel 1958 è stato istituito un gruppo di studio per creare le condizioni per un Accordo Internazionale sul Caffè (ICA) tra paesi importatori ed esportatori. Nel 1962, i negoziati per un accordo sul caffè furono portati a termine con successo presso la sede delle Nazioni Unite e furono firmati nel 1963. L'aspetto straordinario di questo accordo è che i Paesi produttori e consumatori sono integrati nella progettazione e nell'attuazione del quadro normativo.

Al primo accordo del 1963 ne sono seguiti altri: 1968, 1976, 1983 e 1994. Al 10.03.04, l'Accordo internazionale sul caffè del 2001 (in vigore fino al 2007) contava 58 Paesi membri: 42 sul fronte delle esportazioni e 16 su quello delle importazioni. In passato, il 99% della produzione mondiale di caffè e il 90% della domanda mondiale di caffè erano pianificati nell'ICO.

Uno degli obiettivi di questi accordi è, ad esempio, l'equilibrio tra domanda e offerta. Si vogliono evitare variazioni eccessive di quantità e di prezzo, garantire l'occupazione e il reddito nei Paesi produttori e generare entrate prevedibili in valuta estera per stabilizzare il potere d'acquisto dei Paesi esportatori. L'obiettivo è anche quello di promuovere il consumo globale di caffè e di rafforzare la cooperazione internazionale in generale. Per gestire gli accordi sul caffè, nel 1963 è stata fondata l'Organizzazione Internazionale del Caffè (ICO), con sede a Londra, sotto la supervisione delle Nazioni Unite.

Le quote di esportazione dei vari accordi sul caffè erano al centro dei trattati fino all'accordo del 1983 incluso. Con queste quote, le quantità esportate dai membri esportatori venivano fissate in base a una determinata chiave, in modo che i prezzi del caffè rimanessero stabili all'interno di un intervallo desiderato. In pratica, le cose funzionavano come segue: se i prezzi erano troppo bassi, le quantità esportate dai Paesi membri venivano ridotte fino a quando la carenza non faceva risalire i prezzi. Se i prezzi superavano determinati massimali, le quantità esportate dai singoli Paesi venivano aumentate. L'aumento dell'offerta faceva quindi scendere nuovamente i prezzi. La sospensione del sistema delle quote ha causato prezzi molto alti.

A seconda del luogo, gli effetti di questi accordi sul caffè sono stati valutati in modo diverso. Sebbene in più di un periodo si sia riusciti a stabilizzare i prezzi del caffè, i benefici finanziari degli accordi stessi sono stati messi in discussione per i Paesi produttori. Il fallimento dell'Accordo sui prodotti di base del caffè dell'83 nel 1989 ha creato disallineamenti e tensioni che il sistema delle quote di esportazione, meno variabile, aveva creato nel mercato:

Il sistema delle quote ha creato strutture produttive non orientate alla domanda e ha impedito l'adeguamento della produzione di caffè alle esigenze del mercato.
Il controllo iniquo delle quantità attraverso le quote di esportazione ha portato a un aumento eccessivo del prezzo del caffè di qualità ricercata, mentre le qualità basse erano offerte in abbondanza e di conseguenza a buon mercato.
La separazione del mercato tra membri e non membri significava che gli Stati che non appartenevano all'ICO potevano acquistare caffè a prezzi scontati, mentre i membri dovevano talvolta pagarlo il doppio.

Tutti i tentativi compiuti dopo il 1989 per coinvolgere un nuovo accordo sul caffè con possibilità di intervento sul mercato sono infine falliti. Nel marzo 1993, questi tentativi sono terminati. In breve tempo, i produttori hanno creato una propria organizzazione, l'ACPC (Associazione dei Paesi produttori di caffè). L'accordo di mantenere l'ICO come forum per il dialogo organizzato sul caffè in futuro è stato raggiunto e i Paesi membri sono riusciti in breve tempo ad adottare un nuovo "Accordo internazionale sul caffè 1994", seguito da quello successivo nel 2001. L'accordo non prevede un sistema di quote di esportazione. Nel 2007, gli ormai 77 membri dell'Organizzazione Internazionale del Caffè (di cui fanno parte 31 Paesi importatori e 45 Paesi esportatori, oltre alla Comunità Europea come istituzione internazionale) hanno concluso un Accordo Internazionale sul Caffè per rafforzare l'economia globale del caffè e promuoverne lo sviluppo sostenibile attraverso numerose misure.

I compiti dell'ICO derivanti da questi nuovi regolamenti sono la preparazione e la raccolta di statistiche e la diffusione di informazioni sul caffè. Inoltre, ha la funzione di organismo autorizzato a presentare proposte al "Fondo comune per i prodotti di base", un'istituzione governativa che fornisce fondi di aiuto allo sviluppo per progetti sui prodotti di base. L'ICO svolge ancora un ruolo centrale come base per lo scambio di idee tra paesi produttori e consumatori e può servire da base per un'eventuale, in seguito auspicata, intensificazione della cooperazione tra tutte le parti coinvolte nel commercio mondiale del caffè.

Menu 1<<<
Sottomenu 1.4 <<<

1.4.3 La cooperazione tra produttori come strumento di stabilizzazione dei prezzi
Da oltre 50 anni esistono anche accordi tra i Paesi produttori per ridurre le esportazioni di caffè. Nel 1945, 14 Paesi latinoamericani si unirono nella FEDECAME per tutelare i propri interessi in materia di caffè. Dopo il 1956, quando i primi colloqui per un accordo internazionale sul caffè non ebbero successo e i prezzi scesero, sette Paesi latinoamericani firmarono un programma di quote di esportazione ("Mexico-City-Agreement"). Nel 1958, questo si è trasformato nel "Latin American Coffee Agreement" (LACA), in cui i 15 Paesi più importanti del continente controllavano le loro esportazioni.

L'Inter African Coffee Organization (IACO) ha iniziato la sua attività in Africa nel 1960. I suoi obiettivi sono coordinare gli interessi dei produttori di caffè africani e promuovere la qualità, il marketing e la conoscenza tra i coltivatori. Quasi tutti i produttori di caffè africani appartengono alla IACO. Nel 1960 si è unita l'Organizzazione africana e malgascia del caffè (OAMCAF). Per i Paesi membri, questa associazione raggruppa la produzione e l'esportazione di caffè ed è il rappresentante in tutti i comitati internazionali del caffè.

Anche se esistevano già accordi in cui produttori e consumatori perseguivano obiettivi comuni, le cooperative di produttori ad hoc hanno ripetutamente unito le forze nei periodi senza quote per modificare i prezzi del caffè. Nel 1966, i Paesi produttori intervennero congiuntamente sul mercato di New York. Ventuno Paesi produttori di caffè, riuniti nel '"Geneva-Agreement" e responsabili del 90% delle esportazioni mondiali di caffè, tentarono di trattenere quasi il 10% delle loro consegne nel 1973. Nel 1973, anche quattro grandi Paesi produttori pianificarono di trattenere le scorte e inventarono un "Buffer-Stock-Plan, che divenne noto come "Café Mondial". Con un numero inferiore di concorrenti e un aumento dei prezzi del caffè dovuto al gelo, questi Paesi hanno abbandonato il loro piano nel 1975.

Un'altra stazione sulla strada della stabilizzazione dei prezzi del caffè è stata la cooperazione dei produttori di Caracas, composta da 19 membri, nel 1974, il gruppo di Bogotà nel 1978 e il PANCAFE dal 1980. I loro progetti comuni erano tentativi di far salire i prezzi del caffè attraverso il controllo delle esportazioni, la riduzione dei prezzi delle scorte e l'intervento sui mercati a termine. La società di commercio del caffè PANCAFE (Productores de Café Asociados S.A.), ad esempio, perseguiva gli interessi delle istituzioni del caffè dei Paesi Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Brasile, Messico, Honduras, Colombia e Venezuela sul mercato. La PANCAFE, nata dal Gruppo di Bogotà, all'inizio disponeva di un capitale di circa 480 milioni di dollari USA, che contribuiva all'acquisto e allo stoccaggio del caffè. Gli sforzi per aumentare i prezzi non ebbero successo e furono interrotti alla fine del 1980, dopo di che i membri dell'Organizzazione Internazionale del Caffè si accordarono nuovamente su un accordo operativo.

A metà del 1989 cessarono tutte le possibilità di stabilizzare i prezzi nell'ambito di un "Accordo internazionale sul caffè" (si veda il capitolo 5.4.2.). Di conseguenza, si verificò un crollo massiccio delle quotazioni del caffè verde, che rimasero a un livello basso per diversi anni. Il fallimento dei negoziati per un nuovo accordo sul caffè con clausole economiche, ovvero "quote di esportazione" nell'ambito dell'ICO, ha indotto Guatemala, Costa Rica, El Salvador e Nicaragua, e successivamente anche Brasile e Colombia, a sospendere il 20% delle loro esportazioni a partire dall'autunno 1993. Anche l'Indonesia e i produttori africani si sono uniti a queste restrizioni. A queso punto viene costituita l'"Association of Coffee Producing Countries" (ACPC). Ne fanno parte 14 membri, che controllano circa il 75% della produzione mondiale di caffè. Si tratta di Angola, Brasile, Colombia, Costa Rica, India, Indonesia, Costa d'Avorio, El Salvador, Kenya, Repubblica Democratica del Congo, Tanzania, Togo, Uganda e Venezuela. Questi Paesi hanno raggiunto un accordo a livello governativo, che prevedeva l'utilizzo della cosiddetta restrizione per confermare i prezzi del caffè verde a un livello più alto. In base all'andamento dei prezzi, le quantità di caffè trattenute sono state restituite al mercato. La sede dell'istituzione era a Londra. Nella primavera del 2002, tuttavia, ha abbandonato la sua sede e con essa, per così dire, le sue attività.

Menu 1<<<
Sottomenu 1.4 <<<


1.5 Paesi produttori e il loro consumo
Sebbene il caffè sia principalmente un bene di esportazione, viene consumato anche in molti Paesi produttori. Circa il 24% della produzione mondiale di caffè, che corrisponde a ben 27 milioni di sacchi, viene consumato nei Paesi produttori per uso proprio. Nelle Filippine, la bevanda al caffè è così popolare che è necessario importare altro caffè per coprire il consumo interno. Ad Haiti e Cuba, viene consumato oltre l'80% della produzione. In Paesi come Colombia, Brasile, Venezuela, Messico e altri paesi dell'America centrale, il consumo di caffè è molto importante. La bevanda del caffè è popolare anche in Indonesia, Etiopia e India.

Nei Paesi produttori, le qualità migliori vengono utilizzate per il consumo interno, in quanto possono fruttare molto di più sul mercato mondiale. Inoltre, dal punto di vista europeo, il caffè di qualità inferiore viene trasformato in una bevanda apprezzata nello stile del Paese in questione attraverso un metodo di tostatura e preparazione personalizzato.

I Paesi produttori hanno riconosciuto che il consumo di caffè si sviluppa in relazione al tenore di vita e al livello di industrializzazione di un Paese. Con il miglioramento degli aspetti economici, il consumo di caffè aumenta e aumenta anche la domanda rispetto alla qualità.

Menu 1<<<

1.6 Le esportazioni di caffè
Le esportazioni di caffè dai Paesi produttori ammontavano a circa 78 milioni di sacchi nel 1997/98 e sono arrivate a 88,6 milioni nel 2002/2003. Il volume della produzione dipende dall'offerta del raccolto, dai livelli dei prezzi, dalla disponibilità delle scorte, dalle normative sulle esportazioni e dal comportamento dei consumatori.

Se la quota di Arabica era ancora dell'80% nel 1960/61, è scesa a circa il 60%. Uno sguardo al passato mostra che le esportazioni complessive di caffè sono aumentate notevolmente dopo la Seconda Guerra Mondiale. Negli anni '60 venivano registrati 40 milioni di sacchi all'anno, che sono diventati 60 milioni negli anni '70, mentre oggi sono necessari 89 milioni di sacchi di caffè verde esportati all'anno per soddisfare le esigenze di consumo dei Paesi importatori.

Menu 1<<<


1.7. Quantità e composizione delle esportazioni

I principali Paesi esportatori di caffè sono Brasile, Vietnam e Colombia, che possono rappresentare fino al 57% delle esportazioni mondiali. Altri Paesi importanti sono Indonesia, Guatemala, India, Uganda, Perù, Honduras, Costa d'Avorio, Messico, Etiopia, Costa Rica, El Salvador e Papua Nuova Guinea. Questi 12 Paesi rappresentano circa il 31% delle esportazioni mondiali di caffè. Insieme a Colombia, Brasile e Vietnam, rappresentano il 92%.
Dai Paesi di origine, il caffè viene esportato principalmente nella sua forma grezza. Circa il 6% delle esportazioni totali è costituito da caffè solubile e solo lo 0,1% da caffè tostato. Per questa spiegazione, i prodotti finiti sono stati convertiti nella loro base di caffè verde utilizzando i fattori internazionali:

1 parte di caffè torrefatto = 1,19 parti di caffè verde

1 parte di caffè solubile = 2,60 parti di caffè verde

I più importanti Paesi produttori-esportatori di caffè solubile sono il Brasile, che rappresenta la metà delle esportazioni totali, seguito da India, Colombia, Messico e Costa d'Avorio. Il Brasile è anche il principale esportatore di caffè torrefatto, con una quota superiore al 50%. È seguito da Messico, Costa Rica, Colombia e Vietnam.

Oltre alle merci esportate dai Paesi d'origine, le strutture del commercio estero internazionale mostrano naturalmente un notevole flusso di merci di caffè provenienti dai cosiddetti Paesi d'importazione. Queste "Re-Exporte" ammontano a circa 20 milioni di sacchi di caffè verde all'anno e per oltre due terzi avvengono tra i Paesi europei.

Il fatto che i Paesi produttori esportino in gran parte caffè verde, piuttosto che prodotti lavorati, deriva dalla scarsa capacità di competere con l'efficiente industria del caffè dei Paesi consumatori. Le cose che mancano sono, ad esempio: prodotti orientati al mercato, tecnologie moderne e strategie di marketing più efficienti. La mancanza di fondi lontano dal mercato rende difficile la pubblicità e la ricerca di mercato. Le elevate spese finanziarie per una tecnologia di tostatura e confezionamento efficiente e le difficoltà logistiche rendono problematico l'ingresso nel mercato. Il caffè confezionato in modo ottimale e con una lunga durata di conservazione può essere prodotto solo in misura limitata, nonostante l'elevata domanda. Poiché i caffè tostati sono solitamente miscele di diversi Paesi, i Paesi produttori dovrebbero importare caffè per soddisfare questo standard. I cosiddetti "prodotti monorigine" hanno buone opportunità di mercato. Si tratta principalmente di caffè speciali provenienti da un determinato Paese che godono di un'ottima immagine presso i consumatori di tutto il mondo, di caffè biologici e di caffè da commercio equo e solidale.

Menu 1<<<

1.8 Il caffè come bene di trasporto
I chicchi verdi hanno percorso migliaia di chilometri, partendo dai Paesi produttori per finire nelle macchine per la tostatura dell'industria di trasformazione del caffè nei Paesi consumatori.
Il caffè veniva inizialmente trasportato in barili di legno. Secoli dopo, iniziò il suo viaggio in sacchi. Accatastato nelle navi, il caffè attraversava gli oceani del mondo per settimane.

Più di 25 anni fa, i sacchi di caffè venivano imballati in container che erano arrivati precedentemente pieni di merci. Con la diffusione globale dei container e il relativo sviluppo delle infrastrutture di trasporto, questa forma di spedizione si è diffusa sempre più.

Da quasi 10 anni, il caffè viene sempre più spesso spedito sfuso nei container. Il termine tecnico speciale è "Bulkware". L'esperienza con questa nuova forma di trasporto è stata acquisita con speciali "Bulkcontainern", che venivano riempiti utilizzando aperture sul tetto. Inoltre, sono stati utilizzati contenitori standard con o senza involucro interno, i cosiddetti "Bigbags" in polietilene. I risultati raccolti con il caffè sfuso sono stati positivi. Le preoccupazioni relative alla qualità, all'andamento della temperatura, al contenuto di umidità e alla frequenza dei danni si sono rivelate infondate. Questo sistema di trasporto comporta i seguenti vantaggi economici:

-un migliore utilizzo del volume del container
-un notevole risparmio sui costi di gestione
-una riduzione dei costi grazie all'eliminazione dei sacchi, nonché una riduzione dell'inquinamento ambientale grazie all'eliminazione dello smaltimento dei sacchi.
Le spedizioni Bulkware hanno superato da tempo la fase di sperimentazione. Il container standard come mezzo di trasporto con involucro interno si è dimostrato economicamente ottimale. I Paesi produttori hanno adattato le loro infrastrutture con impianti di riempimento dei container per le spedizioni Bulkware. Il riempimento dei container si concentra sui benefici o sulle stazioni di decorticazione nei Paesi produttori. Nei Paesi consumatori, le torrefazioni hanno acquisito strutture di ricezione per il Bulkware. Il container speciale per Bulkware, tuttavia, è un modello in disuso per il caffè, in quanto troppo costoso e poco flessibile nell'uso.

La nuova modalità di trasporto pretende l'attenzione di coloro che riempiono il container. Essi devono garantire l'integrità della merce; il destinatario non vuole avere sorprese negative nel Paese di destinazione. Oggi si accettano solo contenitori chiusi e sigillati senza che il contenuto sia visibile.

A volte il caffè viene spedito anche in sacchi. Si tratta di caffè speciali di alta qualità con bassi volumi di raccolto e di caffè quotati in Borsa, oppure di merci che devono essere trasportate ulteriormente con mezzi pesanti su ruote in altri Paesi.

Menu 1<<<

1.9. I Paesi importatori e loro domanda

Il consumo di caffè nel mondo raggiunge attualmente quasi 108 milioni di sacchi all'anno. Di questi, i Paesi importatori hanno bisogno di circa 80 milioni di sacchi all'anno come materia prima per il caffè tostato ed estratto. Il consumo proprio dei Paesi produttori ammonta a oltre 27 milioni di sacchi (si veda anche il capitolo 1.5).
Le principali aree di consumo sono Europa, Nord America e Asia. Il Giappone continua a registrare una crescita dei consumi. In generale, l'Europa registra solo un leggero aumento. Negli Stati Uniti si osserva una nuova crescita dei consumi dopo anni di declino.

Nei Paesi importatori, le abitudini di consumo e anche il livello di consumo sono molto individuali. I Paesi limitrofi mostrano modelli di consumo simili. Per il resto, le composizioni delle miscele, i gradi di tostatura e il tipo di preparazione variano da Paese a Paese. Le relazioni tradizionali tra alcuni Paesi consumatori e Paesi produttori, che risalgono ancora all'epoca coloniale, giocano un ruolo centrale. Il sapore della Robusta è apprezzato nell'Europa occidentale e sudoccidentale. I Paesi scandinavi e l'Italia preferiscono un'alta percentuale di caffè brasiliano nelle loro varietà. I Paesi dell'Europa centrale amano utilizzare Arabiche lavati e non lavati nelle loro miscele. I metodi di tostatura innovativi e l'internazionalizzazione del gusto stanno aumentando l'importanza dei Robusta. In Europa centrale e orientale, le varietà di Robusta più economiche e più dure sono in testa.Il consumo nei Paesi produttori di caffè è costituito per lo più da caffè che non possono essere venduti sul mercato dell'esportazione. Non c'è quindi da stupirsi se la qualità del caffè nei Paesi produttori spesso non corrisponde alle aspettative di qualità.

Menu 1<<<

1.10. Tasse e dazi sull'importazione
I prelievi governativi sul caffè, come le dazi doganali e imposte, sono diminuiti significativamente nei Paesi consumatori nel corso dello sviluppo storico. Oltre all'i.v.a., molti Paesi non impongono alcun dazio sul caffè. Alcuni Paesi, invece, impongono dazi all'importazione e altri ancora impongono tasse sul consumo oltre ai dazi d'importazione.

Dazi sull'importazione
I dazi doganali sulle merci di caffè verde con caffeina in Germania sono stati aboliti. All'interno dell'UE, i dazi doganali sul caffè verde con caffeina non vengono più applicati a partire dal 1° luglio 2000. Anche Canada, Stati Uniti, Giappone e Nuova Zelanda, ad esempio, non applicano dazi sull'importazione di questo tipo di prodotto.

Imposte indirette
Solo pochissimi Paesi industrializzati prevedono ancora accise speciali sul caffè. Queste tasse possono essere fatte risalire all'epoca coloniale, quando il caffè era considerato un bene di lusso. Con questi introiti, le intenzioni politiche potevano riempire le casse dello Stato, oppure gli alti prelievi avevano lo scopo di distogliere l'attenzione dai consumi, perché l'importazione del costoso caffè verde comportava sempre un indesiderato deflusso di valuta estera.

L'imposta sul caffè in Europa è oggi applicata solo in Germania, Danimarca e Belgio. L'aliquota dell'imposta sul caffè in Germania è di 2,19 euro per 1 kg di caffè torrefatto e di 4,78 euro per 1 kg di caffè solubile.

Anche i beni contenenti caffè (prodotti contenenti da 10 a 900 g di caffè in 1 kg di prodotto) sono tassati in Germania. Per i prodotti di aziende tedesche, la percentuale di caffè nella sostanza secca è presa come base per 4,78 euro.

In Europa esiste un'ampia gamma di percentuali dell'i.v.a. sul caffè. Paesi come la Danimarca con il 25%, la Norvegia con il 24%, l'Austria con il 20%, l'Italia con il 22% e la Finlandia con il 17% hanno le aliquote i.v.a.più alte d'Europa. In Germania l'IVA è del 7%. Nel Regno Unito e in Irlanda è pari a 0.

È chiaro che, a seconda della situazione del mercato, un buon terzo del prezzo al consumo finale del caffè in Germania è rappresentato dai prelievi allo Stato.