100% gusto - 100% Robusta - 10% di sconto |  Caffè Ardente - il sole di Napoli
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Fiutatori di caffè

Fiutatori di caffè

I beni di consumo più popolari ai tempi di Federico il Grande erano la birra, il tabacco e il caffè. Dopo la Guerra dei Sette Anni, il denaro scarseggiava e l'attenzione mercantilistica della Prussia era rivolta a se stessa. Spendere denaro all'estero era considerato dannoso, soprattutto per i beni di lusso. La birra è sempre stata prodotta in Prussia, ma il tabacco, che in Prussia cresceva solo in misura limitata, e soprattutto il caffè, che all'epoca era un bene piuttosto nuovo, costituiva un problema.

La zuppa di birra diventava mousse di caffè

Come pasto comune, la zuppa di birra bolliva su quasi tutti i fornelli. A seconda di quanto fosse fornita la dispensa, era costituita da birra, che tra l'altro veniva bevuta anche dai bambini come fosse acqua, pane, cereali e tutti gli altri ingredienti che potessero riempire lo stomaco. Quando i chicchi di caffè raggiunsero per la prima volta anche i cittadini meno ricchi della Prussia, si diffusero a macchia d'olio. L'effetto rinvigorente del caffè come componente della zuppa, oggi chiamata "Kaffeemus", aumentava il benessere della popolazione, che fino ad allora aveva mangiato ogni giorno una zuppa di birra, che era soporifera e certamente non sempre gustosa. Le birrerie si sono subito lamentate della perdita di affari subita a causa del nuovo "vizio operaio". Anche i produttori locali di caffè di malto hanno dovuto lottare con il vero caffè. Poiché il caffè non poteva essere coltivato in Germania, il re prussiano ha emanato un divieto di importazione del caffè torrefatto. Il suo impianto di torrefazione del caffè di proprietà dello Stato continuò naturalmente a tostare il caffè importato per il Re, ma lo vendeva a prezzi che la gente comune non poteva permettersi.

La nascita dei fiutatori di caffè

Insieme al divieto, è nata la professione di fiutatore del caffè, conosciuta anche come annusatore di caffè. I fiutatori di caffè erano per lo più invalidi e venivano assunti con salari relativamente alti per, chi l'avrebbe mai detto, annusare. Il caffè tostato ha un odore intenso ed è difficile da nascondere. Ai fiutatori di caffè era permesso di entrare in qualsiasi casa, in qualsiasi momento e letteralmente "perquisire e annusare" anche le signore. Nel 1781 fu proibita anche l'importazione di caffè verde. I fiutatori di caffè avevano ora il compito di trovare impianti di torrefazione illegali, ricevendo per questo alte provvisioni.

Il divieto non viene dimenticato

Tutti gli sforzi di Federico il Grande non aiutarono. Il contrabbando di caffè assunse dimensioni che non potevano più essere controllate, e il suo successore si rese finalmente conto che, attraverso il contrabbando, si perdevano grandi quantità di tasse sulle importazioni. Revocò i divieti e reintrodusse le tasse di importazione. Andare in una caffetteria era finalmente di nuovo legale.