100% gusto - 100% Robusta - 10% di sconto |  Caffè Ardente - il sole di Napoli
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Il caffè più costoso al mondo

Le varietà di caffè più costose al mondo:

Leggi la nostra piccola sintesi sui caffè più costosi al mondo.

1. Black Ivory
elefantCon un prezzo al chilo di circa 2800 Euro, il caffè "Black Ivory" è l'emblema del caffè di lusso, superando persino il "Kopi Luwak" in termini di esclusività e prezzo. Nei resort Anantara alle Maldive e in Thailandia, quasi 30 elefanti vengono nutriti con chicchi di caffè Arabica tailandese, per poi espellerlo nuovamente, come nel caso del "Kopi Luwak". Nel processo di digestione degli elefanti, le proteine del chicco vengono scomposte dagli enzimi, il che fa sì che il caffè presenti una nota amara.

Si dice che, una volta servito, questo caffè contenga le seguenti caratteristiche: delicato, cioccolatoso, con leggere note di frutta secca e bacche rosse.

Anche se è difficile da credere, gli elefanti devono mangiare circa 35 chili di drupe di caffè per produrre poco meno di un chilo di chicchi di caffè. Questo chilo viene poi raccolto a mano dallo sterco degli elefanti per poterlo poi essiccare al sole. Come si può facilmente intuire, questo processo è enormemente costoso, ed è questo che rende il prezzo del caffè così alto.

A causa del suo complesso processo di produzione e della disponibilità limitata, con una dotazione annuale di circa 225 kg, il caffè Black Ivory è riservato a un gruppo selezionato di clienti, sottolineando l'impegno del marchio a privilegiare la qualità rispetto alla quantità. Che tu sia un intenditore di caffè o semplicemente alla ricerca di nuove scoperte, il caffè Black Ivory offre un'esperienza di gusto impareggiabile e contribuisce a una nobile causa.

Per coloro che desiderano concedersi il caffè più raro ed esclusivo del mondo, una confezione da 1 kg di caffè Black Ivory si trova sul mercato al prezzo di 2800 Euro. Questo prezzo riflette non solo la rarità e il processo di produzione unico del caffè, ma anche l'impegno del marchio per la conservazione degli elefanti e il concetto di lusso sostenibile.

 

2. Caffè Misha
NasenbaerIl caffè Misha deriva dal nome della specie animale "Mishashos". Si tratta di roditori che in Italia chiamiamo "Nasua".

L'origine del caffè è simile a quella del "Kopi Luwak" o "Black Ivory", quindi le bacche di caffè vengono mangiate dai nasua, digerite solo parzialmente e infine escretate.

Nello stomaco avviene quanto segue: i chicchi di caffè incontrano i frutti mangiati in precedenza, come ananas o papaia, che si ritrovano poi nell'aroma del caffè.

Gli escrementi di questi animali sono quindi molto apprezzati e vengono raccolti dai contadini del posto e tostati a quasi 220 gradi, in modo da ripulirli da tutti i batteri e i residui.

Finiti e confezionati, questi esclusivi chicchi di caffè vengono poi spediti principalmente negli Stati Uniti, in Europa e negli Emirati Arabi, per i quali gli acquirenti pagano fino a 1400 Euro al chilo. 

 

3. Kopi Luwak
Schleichkatze-Kopi-LuwakIl Kopi Luwak viene commercializzato a un prezzo compreso tra gli 800 e 1.200 Euro al chilo. La sua particolarità è che i chicchi di caffè vengono dati in pasto agli zibetti della palme, che li espellono nuovamente. Nell'intestino dello zibetto, i chicchi di caffè sono esposti a enzimi che rendono il gusto dei chicchi unico e individuale.

Il gusto è descritto come "delicato, simile a uno sciroppo, ricco, terroso e cioccolatoso". Rispetto ai caffè lavorati a secco, questi chicchi di caffè contengono decisamente un'acidità minore.

Un chilogrammo di Kopi Luwak non tostato può essere acquistato per poco meno di 50 Euro nel capoluogo di provincia Medan (nel Nord di Sumatra). Una volta tostato, costa circa 75 Euro. In Europa, questo caffè viene poi venduto tostato a partire da 230 Euro al chilogrammo (dati aggiornati al 2013).

Molti abitanti del luogo sono stati tentati dai prezzi elevati e hanno iniziato a catturare gli zibetti e a nutrirli con le bacche di caffè. Secondo l'organizzazione per la protezione degli animali, diverse decine di migliaia di animali sono ora tenuti in gabbia in spazi estremamente ristretti.

 

4. Excelsa
Excelsa_KaffeeI chicchi di caffè "Excelsa" sono una varietà speciale di caffè considerata una rarità. I chicchi sono stati scoperti per la prima volta nel 1904 sul lago Ciad, in Africa centrale. I chicchi di caffè hanno dimensioni simili a quelle dei chicchi di Robusta, ma queste piante crescono fino a 20 metri di altezza e sono particolarmente resistenti e tenaci.

La pianta prospera molto bene in zone particolarmente secche, motivo per cui il caffè ha un gusto molto forte e terroso.

Il periodo di maturazione della pianta dura poco meno di 12-14 mesi, un periodo molto lungo rispetto ad altre piante di caffè. Oggi il caffè Excelsa viene prodotto soprattutto in Ciad e rappresenta solo l'1% della produzione mondiale di caffè.

Il gusto del chicco Excelsa è descritto come estremamente "forte" e richiede un po' di tempo per abituarsi, motivo per cui il chicco è piuttosto sconosciuto. Per neutralizzarne il gusto, il chicco Excelsa viene spesso mescolato con altri chicchi di caffè.

Il prezzo al chilo è oggi stimato intorno ai 200 Euro.

 

5. Jamaika Blue Mountain
jamaikaIl Jamaica Blue Mountain è un caffè Arabica proveniente dalle omonime Blue Mountains in Giamaica.

Per essere certificato come "Jamaica Blue Mountain", il caffè deve essere coltivato tra i 550 e i 1700 metri sul livello del mare, il che rende il caffè così speciale!

A causa dell'elevata umidità del clima, i venti provenienti dalla costa salgono sulle montagne, dove avviene l'incontro con l'aria fresca, creando una fitta nebbia.

La conseguente scarsa traslucenza del sole rallenta lo sviluppo dei chicchi di caffè, il che aggiunge sorprendentemente un tocco speciale all'aroma e al gusto dei chicchi.

A causa delle difficili condizioni, è possibile coltivare questo caffè solo in misura limitata, rendendo il Jamaica Blue Mountain uno dei caffè più costosi. Per assaporare il gusto del Jamaica Blue Mountain al giorno d'oggi è necessario pagare fino a 150 Euro per un chilo.

 

6. Caffè St. Helena
Napoleon-BonaparteLa storia di questo caffè inizia nel 1733, quando la Compagnia delle Indie Orientali portò i semi di caffè dal porto di Mocha, nello Yemen, all'isola di Sant'Elena. La distanza dalla terraferma africana a Sant'Elena è di circa 1900 km. Grazie all'origine vulcanica dell'isola e al clima mite, le condizioni per la coltivazione del caffè si rivelarono ideali.

L'isola è conosciuta dai bevitori di caffè come l'esilio di Napoleone Bonaparte. Poiché l'isola è lunga solo 15 km e larga 11 km, le condizioni di coltivazione sono limitate, il che rende il caffè di Sant'Elena molto raro e speciale. La coltivazione e la lavorazione del caffè avvengono esclusivamente a mano e secondo i principi dell'agricoltura biologica.

Nel 1839, il caffè è stato descritto dall'agenzia di commercio del caffè di Londra W.Bumie & Co. come il miglior caffè del mondo. Verso la fine del XIX secolo, la coltivazione del caffè fu interrotta poiché il cliente principale dell'epoca passò al filo di nylon e agli elastici. Nel 1994 la coltivazione è stata ripresa da David Henry, un londinese di Sant'Elena. Nel 2008 David Henry ha lasciato l'isola e due anni dopo la produzione di caffè è stata riavviata da una cooperativa.

Il gusto del caffè è caratterizzato da note di nocciola, cioccolato e mandorla. L'acidità del caffè è quindi poco presente e discreta. Questo caffè raccolto a mano viene venduto a un prezzo compreso tra 150 e 200 Euro al chilo.

 

7. Hawaii Kona
Hawaii-KonaUno dei 5 caffè più costosi è il caffè hawaiano Kona, proveniente dallo stato delle Hawaii negli Stati Uniti. La maggior parte delle isole hawaiane è di origine vulcanica e quindi il clima umido e mite offre un'ottima opportunità per la coltivazione dei chicchi di caffè.

La Kona Coffee Belt è lunga circa 30 km e larga 3 km. Si trova nella parte occidentale della Big Island, su pendii vulcanici che vanno dai 250 agli 850 metri sul livello del mare. Il terreno è particolarmente fertile, e su di esso crescono particolarmente bene gli esigenti chicchi  Arabica. Il processo di raccolta inizia già in primavera con la neve. Il fenomeno noto come "Kona Snow" si completa in aprile con le bacche di caffè verde. In agosto, le drupe di caffè rosse e piene vengono raccolte e lavate a mano.

La coltivazione della terra, i salari dei lavoratori e le attrezzature necessarie sono decisamente più costosi alle Hawaii che in Africa o in India, ad esempio. Molti dei materiali necessari devono essere spediti, il che rende il prezzo del caffè così alto.

Oltre agli alti prezzi di coltivazione, il caffè Kona resta comunque molto raro ed eccezionale. La produzione annuale di caffè alle Hawaii è di poco inferiore alle 3300 tonnellate. Il Brasile, in confronto, ne produce quasi 1000 volte tanto.

Gli intenditori di caffè ne definiscono il gusto morbido e corposo, con note di cioccolato, caramello, cannella e frutti di bosco. Per un chilo di caffè Hawaiian Kona, in Germania si pagano circa 100 Euro.

 

8. Caffè Geisha
Geisha-KaffeeI chicchi di caffè Geisha sono originari dell'Etiopia, ma sono stati introdotti a Panama solo all'inizio degli anni '60, dove oggi sono sempre più coltivati. Rispetto ad altre piante, le piante di Geisha hanno meno foglie, rami più sottili e meno frutti. Inoltre, all'epoca si scoprì che la pianta è molto sensibile ai parassiti.

Dopo molto tempo, si è scoperto che l'ottimo sapore emerge solo quando le piante vengono coltivate a un'altitudine superiore ai 1600 metri. Il motivo per cui i fagioli Geisha sviluppano un sapore significativamente migliore a questa altitudine non è ancora chiaro.

In termini di gusto, si dice che i chicci contengano una nota di bergamotto e yasmin. Se si è molto sensibili al gusto, si può persino percepire un dolce aroma di frutti di bosco, agrumi e mango.

In un'asta del 2010 è stato pagato l'equivalente di 380 Euro per un chilo di semi di Geisha non tostati. Oggi un chilo costa circa 80 Euro.