15% di sconto su Mocambo Gran Bar | 10% di risparmio sul set premiato con l'oro
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Il caffè e la sua importanza economica

Importanza economica del caffè

Con l'aiuto della crescente industrializzazione, il caffè diventò una merce del commercio mondiale nel XIX secolo e per molti dei Paesi produttori diventò la merce di esportazione più preziosa dopo il petrolio. Grazie al progresso tecnico, il caffè iniziò ad essere coltivato, prodotto e, soprattutto, trasportato a costi molto più contenuti rispetto al passato.

I sempre più moderni processi di lavaggio, asciugatura e tostatura consentirono una produzione di alta qualità costante, per soddisfare la domanda in continua crescita del mercato mondiale. Grazie a nuovi metodi di trasporto, i tempi di percorrenza si ridussero da diversi mesi a poche settimane e più tardi, all'era dei container, nessuno dovette più fare a meno del caffè.

Oggi il chicco miracoloso, un tempo riservato ai privilegiati, è uno dei beni più importanti del commercio mondiale. Con la sua sempre più ricca cultura della lavorazione e, soprattutto, della tostatura, la Germania è il più grande esportatore mondiale di prodotti di caffè. Nel 2016 sono state importate a questo scopo 1,14 milioni di tonnellate di caffè verde. Circa il 98% dei nove milioni di tonnellate di caffè verde raccolti ogni anno è costituito dalle specie Arabica e Robusta. La pianta più robusta Coffea Canephora (chicchi Robusta) è coltivata principalmente nel Sud-Est asiatico, in India e nell'Africa occidentale.

Le piante di Arabica, molto più delicate e che richiedono un clima molto più equilibrato, prosperano solo ad altitudini superiori agli 800 metri e sono più impegnative. Sono concentrate nelle regioni dell'Africa orientale e dell'America centrale e meridionale. Ancora oggi, il 70% delle piante del mondo è coltivato da microagricoltori e piccole cooperative.

 

Fairtrade - Commercio equo e solidale

A volte solo il 5-15% del prezzo al dettaglio del caffè raggiunge il coltivatore nel Paese esportatore. La costante guerra dei prezzi rende sempre più difficile la sopravvivenza delle piccole cooperative. Il Commercio Equo e Solidale, la cui iniziativa più nota è il sigillo FairTrade, cerca quindi di migliorare la situazione delle persone alla fine della catena di produzione attraverso varie misure.

Circa un terzo della produzione mondiale di caffè verde proviene dal Brasile, che è anche il più grande Paese produttore e consumatore di caffè. Lì il caffè viene coltivato in regioni fertili in vari modi e, dopo il raccolto, viene solitamente riempito in sacchi come caffè crudo essiccato, spesso anche alla rinfusa in conteiner marini.

L'essiccazione riduce il peso e quindi anche i costi di trasporto ed evita fermentazioni indesiderate. Da grandi porti come Santos viene spedito a Rotterdam o al più grande porto europeo di importazione di caffè di Amburgo. Per evitare la tassa sul caffè già torrefatto e per garantire una qualità costantemente elevata, l'effettiva lavorazione e la tostatura, avvengono solo in Germania o negli altri Paesi di destinazione, come l'Italia.

Dal cespuglio in Brasile alla tazzina di caffè espresso in un bar, 25 milioni di persone in tutto il mondo dipendono dal caffè, come i coltivatori, i proprietari di piantagioni, le cooperative, i commercianti, gli importatori ed esportatori, i broker e le imprese di lavorazione. In totale, producono 150 milioni di sacchi di caffè verde all'anno.