Forti e a bassa acidità: i migliori caffè di Napoli a un prezzo scontato | Offerta della settimana: set da degustazione Napoletano con il 15% di sconto
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Caffè Asiatico

Caffè Asiatico

In Asia, da diversi secoli vengono coltivate nei diversi Paesi molte varietà di caffè . Spesso tutti i caffè asiatici sono raggruppati insieme, perché non rappresentano una quota significativa del mercato mondiale, ad eccezione della produzione di Robusta a basso costo che può essere ulteriormente lavorata. Tuttavia, se si guarda un po' più in là, dietro i cliché, si apprende rapidamente che l'Asia, e soprattutto i Paesi che non sono direttamente associati all'Asia ma che comunque appartengono al continente asiatico, producono ora anche varie specialità di caffè. I paesi asiatici più importanti per il caffè sono:

India
Cina
Vietnam
Thailandia
Papua Nuova Guinea
Australia
e molte delle isole indonesiane

India

Anche se l'India ha ora una sua cultura del caffè, unica nel suo genere, e ne sta producendo quantità sempre maggiori, il tè rimane la bevanda nazionale. Famose in tutto il mondo sono, infatti, le gigantesche e soprattutto ben disposte piantagioni di tè dell'India e dello Sri Lanka.

L'India è probabilmente più conosciuta per il suo caffè monsonico. In questo enorme Paese si trovano le migliori condizioni di crescita, sia per la Robusta che per l’Arabica. Negli altipiani indiani si coltivano caffè apprezzati in tutto il mondo. Seguendo l'esempio della coltivazione tradizionale del tè, spesso anche le piantagioni di caffè vengono coltivate in una sana cultura mista. Nelle regioni tropicali, sia le piante di caffè che quelle di tè prosperano meglio quando possono crescere sotto alberi ombrosi come banane, fichi, manghi, pepe, chiodi di garofano o cannella. In modo sostenibile, vengono coltivate anche specie molto delicate, che in molte monocolture di altri Paesi si ammalano molto facilmente.

Dal punto di vista del gusto, il caffè indiano è rimasto nella memoria dei bevitori di caffè in Europa, soprattutto per via del caffè monsonico. Sulle lunghe rotte di trasporto del caffè dall'India all'Europa, un tempo molto lunghe, il caffè verde negli scafi delle navi era esposto a mesi di umidità a causa del clima tropicale e delle piogge monsoniche. La lenta fermentazione dei chicchi che avveniva, ne cambiava il gusto. Il caffè monsonico è descritto come molto dolce o ammuffito, a seconda del gusto. Ancora oggi gode di grande popolarità.

Cina

Proprio come l'India, la Cina è soprattutto un Paese del tè. Ma anche qui "l’americanizzazione" sta progredendo rapidamente. Da vent'anni ormai tutto ciò che proviene dall'Occidente diventa rapidamente popolare nel Paese. Anche se, statisticamente parlando, i cinesi non bevono più di tre tazze di caffè pro capite all'anno, la classe media sta crescendo rapidamente, e con essa la domanda di caffè.

Ecco perché sempre più agricoltori passano dal tè al caffè. Attualmente il mercato cinese del caffè cresce al ritmo del 16% annuo. Gli esperti stimano che la domanda di caffè fresco in grani raddoppierà addirittura entro il 2020. Ancora completamente inesperti sulla coltivazione del caffè piuttosto complicata, molti dei caffè prodotti localmente non sono di qualità degna di nota. La maggior parte del caffè cinese viene trasformato dalle grandi aziende in caffè istantaneo per il mercato interno.

La coltivazione del caffè cinese è ancora agli inizi. Ma forse le condizioni ideali di coltivazione e i piccoli coltivatori che lavorano duramente sugli altipiani cinesi produrranno presto degli ottimi caffè.

L'enorme Paese produce naturalmente molti tipi diversi di caffè, con un successo crescente

Vietnam

Nonostante sia un'area molto piccola del Paese, il Vietnam è oggi il più grande produttore di caffè del mondo, subito dopo il Brasile. La DDR ha avuto un ruolo importante nel successo del Paese, e dopo la guerra del Vietnam ha sostenuto la ricostruzione e l'economia con la rapida espansione della coltivazione del caffè.

Il Vietnam è conosciuto soprattutto per la Robusta, che purtroppo non sempre è una buona Robusta. Come suggerisce il nome, le piante di Canephora che producono i chicchi Robusta sono molto meno esigenti dei chicchi Arabica, popolari in tutto il mondo. Questo è stato un vantaggio per lo sviluppo del Paese devastato dalla guerra, perché anche i contadini più inesperti sono stati in grado di produrre caffè più o meno commestibile in molte regioni.

Anche se la Robusta rappresenta oggi circa il 90% del caffè vietnamita, gli altopiani tropicali del Vietnam producono anche Arabica di alta qualità e altre specialità di caffè, visto che le condizioni di coltivazione nelle aree montuose sono perfette per il caffè in molti luoghi. Gran parte dei prodotti del Paese sono utilizzati per la produzione di capsule di caffè, cialde e soprattutto caffè istantaneo.

Nel frattempo, il modo tradizionale di preparare il caffè in Vietnam è diventato noto anche a livello internazionale. Si prepara un caffè filtro estremamente forte che viene miscelato con latte condensato denso e zucchero. Di solito viene servito in un piccolo sacchetto di plastica con una cannuccia, visto che bicchieri di plastica o di carta sono troppo costosi.

Thailandia

La Thailandia è uno dei Paesi relativamente ancora molto giovani nella produzione del caffè.

Dall'oppio al caffè

Tutto è iniziato negli anni Settanta, perché il governo dell'epoca aveva lanciato un'iniziativa in tal senso. Nel nord della Thailandia si trova l'ex "Triangolo d'oro". L'obiettivo del governo era quello di offrire ai coltivatori di oppio un'alternativa per il loro sostentamento. La piccola popolazione di montagna degli Akha, che vive ancora in maniera molto tradizionale, è di casa nel villaggio DOI CHAANG. Con l'aiuto dell'ONU e della corte reale thailandese, è stata così creata una piantagione di caffè.

Ambiente e coltivazione del caffè in armonia

Particolarmente degna di nota è la realizzazione intelligente ed ecologica del progetto. La foresta esistente non è stata disboscata e sostituita da grandi piantagioni di caffè in monocoltura, ma è stata semplicemente integrata la vecchia popolazione arborea. Grandi alberi ombrosi di varie specie formano un sistema simbiotico con le piante di caffè. Anche le aree già disabitate a causa del sovrasfruttamento sono state prima arricchite con alberi da frutto e poi integrate con piante di caffè. Questo è il modo ideale di coltivare il caffè che, grazie al gran numero di diverse piante a lui utili, aumenta la resistenza della pianta alle intemperie, alle malattie o ai parassiti.

I bellissimi pendii montuosi della Thailandia si trovano ad un'altitudine compresa tra i 1.500 e i 1.700 m. Il clima è costantemente mite e soggetto solo a piccole variazioni di temperatura. Condizioni climatiche in cui il chicco di Arabica si sente estremamente a suo agio e premia i coltivatori di caffè con i migliori rendimenti. La raccolta viene effettuata esclusivamente a mano. Solo le ciliegie di caffè completamente mature vengono raccolte da metà novembre a metà marzo. La cooperativa lavora secondo un sistema di gestione della qualità sviluppato in proprio, che comprende quasi 50 fasi di lavoro definite. Questi includono la coltivazione della pianta, la raccolta, il lavaggio e l'asciugatura e anche la conservazione del caffè. Oggi la Thailandia è uno dei 20 maggiori produttori di caffè e la varietà di Arabica DOI CHAANG è uno dei chicchi dalla qualità più elevata al mondo.

Caratteristiche dei chicchi Arabica DOI CHAANG

Caffè equilibrato, armonico, delicato ma comunque espressivo e complesso nel gusto. Una combinazione di profumi esotici affiancati da aromi leggermente speziati. Pane appena sfornato, pistacchio, cacao e caramello creano un bouquet sfaccettato. Un'acidità leggermente frizzante completa l'esperienza gustativa. Al palato mite, cremoso e pieno.

ORO Caffe è l'unico torrefattore in Italia ad utilizzare questa eccellente varietà nella miscela ORO Caffè DOI CHAANG.

Beyond Fair Trade

Il commercio equo e solidale è un buon inizio, ma solo un inizio. Beyond Fair Trade va ben oltre il pagamento di un prezzo del caffè più alto. L'imprenditore e visionario thailandese Wicha Promyong e l'uomo d'affari canadese John Darch hanno reso possibile che una tribù di montagna afflitta dalla povertà e dal disprezzo in un remoto villaggio della Thailandia diventasse famosa a livello internazionale per il loro caffè DOI CHAANG. Hanno creato la cornice per integrare un luogo remoto in un commercio globale per il caffè da boutique da una fonte etica.

La povera e inesperta tribù di montagna degli Akha, che dipendevano dagli spacciatori di droga e che hanno distrutto il loro habitat attraverso la deforestazione, ha trovato la strada verso la libertà. Un popolo culturalmente traumatizzato si è trasformato con successo dalla coltivazione del papavero da oppio alla coltivazione di una coltura stimolante e popolare in tutto il mondo.

La storia della Doi Chaang Coffee Company aiuta i bevitori di caffè coscienziosi a immaginare modelli di commercio giusti, che vanno oltre il commercio equo e solidale. La cooperativa reinveste tutti i soldi per migliorare le condizioni di vita della comunità locale. Un progetto che, si spera, farà da scuola ad altri.

Indonesia

Anche la maggior parte delle numerose isole tropicali dell'Indonesia offrono le migliori condizioni di coltivazione del caffè. I colonialisti olandesi portarono le piante di Arabica in Indonesia nel XVII secolo.

Tuttavia, quello che oggi è il quarto più grande fornitore di caffè al mondo ha subito gravi battute d'arresto quando la maggior parte delle piantagioni di caffè è stata spazzata via dalla temuta malattia della ruggine del caffè. Da allora, i contadini indonesiani coltivano principalmente chicchi Robusta; le piante di Canephora su cui crescono, infatti, sono più adatte per affrontare la ruggine del caffè e sono meno esigenti nei confronti dell'ambiente circostante.

Purtroppo, proprio come in Vietnam, molte delle varietà di Robusta del Paese sono di qualità mediocre o inferiore e vengono per lo più trasformati in caffè istantaneo o in altri prodotti a basso costo. Tuttavia, l'Indonesia può anche stupire con specialità di caffè che vengono elogiate in tutto il mondo. L'Arabica "Mandheling", per esempio, che è apprezzata per il suo corpo eccellente, proviene dall'isola di Sumatra e il "Kopi Luvac", che viene escreto dai gatti selvatici, proviene anch'esso dall'Indonesia.