Forti e a bassa acidità: i migliori caffè di Napoli a un prezzo scontato | Offerta della settimana: set da degustazione Napoletano con il 15% di sconto
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

La pianta di caffè Coffea

La pianta di caffè Coffea

Tutti conoscono i chicchi marroni e profumati. Ma dove crescono veramente? E come? Una breve panoramica sulla Coffea, il particolarissimo genere di pianta che è stata fedele compagna dell'umanità per più di un millennio, rinvigorente, stimolante e ispiratrice. Appartenente alla famiglia delle Rubiaceae, la Coffea è un genere che conta oltre cento sottospecie in tutto il mondo.

Anche se oggi la tendenza è verso la biodiversità, solo le varietà Coffea Arabica e Coffea Canephora, sulle quali crescono i chicchi Arabica e Robusta, sono davvero significative dal punto di vista economico, rappresentando il 98% della produzione mondiale.

Specie di Coffea

Al genere vegetale COFFEA appartengono 4 specie o varietà:

Arabica (Coffea Arabica)

Robusta (Coffea Canephora)

Liberica (Coffea Liberica)

Excelsa (Coffea Excelsa)

Con una quota del 60%, i chicchi di Arabica rappresentano la quota maggiore del mercato del caffè; i chicchi di Robusta rappresentano circa il 36%, mentre Liberica ed Excelsa si dividono il restoante 4%.

 

Che aspetto ha la pianta del caffè?

Pianta di caffè

L'arbusto sempreverde ricorda l'alloro, con foglie forti, verde scuro e dai bordi ondulati. A seconda della specie, le piante di caffè possono crescere fino a 12 metri di altezza, ma per una più facile coltivazione vengono tenute in piantagioni di altezza compresa tra i 2 e i 3 metri. Le foglie ovali lunghe 10-15 cm crescono in coppia e condividono al centro dei fiori bianchi a ciuffo. In piena fioritura essi raggiungono un diametro di circa due centimetri e emanano un profumo piacevole e intenso.

A differenza della Coffea Canephora, la varietà Coffea Arabica, che si trova principalmente ad alta quota, è in grado di autoimpollinare. A seconda della varietà, la disposizione e l'aspetto dei fiori e delle foglie variano: dopo pochi giorni, i fiori appassiscono e i crescono le drupe, i frutti chiamati "ciliegie". A seconda della varietà, le ciliegie di caffè mature hanno di solito un colore rosso o giallo, a volte grigio-blu fino a nerastro. Sotto una pelle esterna soda e lucida, la polpa è dolciastra ma non gustosa. Incastonati qui e protetti dalla “pergamena” e dalla “pelle d'argento” ci sono i chicchi di caffè, per lo più disposti a coppie, che in realtà non sono chicchi ma semi.

I chicchi, originariamente da verdi a beige, acquistano il loro colore marrone scuro solo durante la tostatura.

 

Da dove viene la pianta del caffè?

Quasi tutte le specie hanno origine nelle regioni tropicali dell'Africa, in Madagascar e nelle Mascarene. Sulle montagne dell'Etiopia, ad esempio, la varietà Arabica preferisce un'altitudine umida e priva di gelo tutto l'anno. La Canephora è un po' più robusta e può resistere a maggiori fluttuazioni di temperatura. Ancora oggi, la maggior parte delle piante di caffè non coltivate, ad eccezione di dieci varietà, si trova ancora allo stato selvatico. Il vero "caffè selvatico" si può gustare in Etiopia o in Madagascar.

Dove si coltiva il caffè oggi?

Soprattutto a seguito dell'ambiziosa espansione delle potenze coloniali, il caffè viene oggi coltivato in circa 80 Paesi, in 50 dei quali contribuisce in modo significativo all'economia locale. Temperature tra 17 °C e 30 °C con precipitazioni tra 1200 e 2000 mm l'anno sono buone condizioni per la coltivazione. Con una distanza massima di 5000 km dall'equatore, le più importanti aree di coltivazione del caffè si trovano in Brasile, Colombia, Perù, Costa Rica, Messico, Vietnam, Filippine, Indonesia, India, Cina, Uganda, Tanzania, Etiopia e Madagascar.