100% gusto - 100% Robusta - 10% di sconto |  Caffè Ardente - il sole di Napoli
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Tasse sul caffè torrefatto

Tasse sul caffè torrefatto

La tassa per il caffè torrefatto fu introdotta per la prima volta in Prussia da Federico il Grande. Era abbastanza normale a quel tempo imporre una sorta di tassa di lusso sui prodotti coloniali. Tuttavia, man mano che il caffè si diffondeva sempre più e i volumi di importazione superavano quelli di un prodotto di lusso esclusivo, Federico il Grande diede un giro di vite e vietò completamente l'importazione del caffè torrefatto. Dopo un breve periodo in cui si poteva importare solo caffè verde (soggetto ad un alta tassazione), e la gente tostava semplicemente il caffè in autonomia, fu vietata anche la torrefazione del caffè. Il monopolio del caffè torrefatto spettava quindi alla torrefazione statale.

Quando l'entità del contrabbando illegale e la distillazione di caffè raggiunsero proporzioni incontrollabili, fu chiaro che lo Stato stava perdendo grandi quantità di entrate fiscali, così furono revocati i divieti e reintrodotte le tasse. La tassa sul caffè (2,19 euro per KG di caffè) non può essere definita una tariffa protettiva, dopo tutto il caffè non cresce affatto in Germania. Per proteggere almeno la cultura tedesca della torrefazione, fu introdotta la tassa sul caffè torrefatto, che è ancora oggi in vigore. Ciò significa che il caffè è ancora oggi soggetto a doppia imposta, perché ovviamente deve essere pagata anche l'i.v.a. sul caffè. Insieme alla tassa sul caffè per i prodotti di caffè consumati sul territorio nazionale, il caffè porta ogni anno allo Stato tedesco circa un miliardo di euro.

Poiché la tostatura del caffè rappresenta un grande salto nella catena del valore, la pratica di importare solo caffè verde è controversa. La maggior parte dei Paesi produttori di caffè, infatti, è piuttosto povera e trarrebbe vantaggio dalla tostatura nel proprio Paese.

Una petizione per l'abolizione delle tasse sul caffè e dei dazi doganali è stata respinta dal Bundestag nel 2013.