Forti e a bassa acidità: i migliori caffè di Napoli a un prezzo scontato | Offerta della settimana: set da degustazione Napoletano con il 15% di sconto
Spedizione gratuita da 100 €
Paga dopo la consegna grazie a Klarna*

Caffè Africano

Caffè africano

Dallo Stato africano Etiopia proviene il caffè più antico che conosciamo. Una lunga storia collega il Paese, la sua cultura e la sua gente con il chicco miracoloso. Ancora oggi l'Etiopia e altri Paesi africani sono aree di coltivazione importanti per le piante di caffè e producono ottime varietà.

I Paesi dell'Africa orientale come l'Etiopia sono noti soprattutto per l'Arabica, per la quale le zone montuose sono l’ideale. Verso il centro del continente si trovano sia le piantagioni di Arabica che di Robusta, e nell'ovest pianeggiante ed esteso, la coltivazione quasi esclusivamente praticata è quella della Robusta.

Tutti insieme, i produttori di caffè africani rappresentano circa un sesto della produzione mondiale.

È impossibile generalizzare il gusto delle varietà di caffè africane; le condizioni di coltivazione e le variazioni della pianta di Coffea in un continente così esteso sono troppo diverse per consentire descrizioni generalizzate, ma molti Paesi africani sono noti per le loro eccellenti varietà di caffè.

Etiopia

L'Etiopia è la culla del caffè. La tradizione vuole che già nel IX secolo il caffè sia stato scoperto da un pastore che aveva notato l'effetto stimolante delle ciliegie di caffè sul suo gregge di capre. Sebbene in Etiopia crescano numerose varietà selvatiche della pianta del caffè, oggi si coltiva principalmente la varietà di Mocha della pianta Arabica.

L'Etiopia è il più grande produttore di caffè dell'Africa, anche se non ha una significativa importanza globale in termini di volume. Circa il 90% del caffè verde proviene da piccole piantagioni private. Qui vengono praticate sia la lavorazione a secco che quella a umido. A causa del caldo fortemente secco, la raccolta deve essere effettuata in un momento ben preciso, in modo che le ciliegie sui cespugli non si secchino. La maggior parte del caffè etiope viene raccolto a mano.

I caffè etiopici

Con delle varietà di che sono tra le migliori al mondo, l'Etiopia può deliziare molti amanti del caffè in tutto il mondo. Gli etiopi apprezzano il loro caffè e lo hanno profondamente integrato nella loro cultura, sono orgogliosi dei loro prodotti e sono desiderosi di condividerli con il mondo.

Grazie ad una politica agricola progressista e all'aiuto dei piccoli agricoltori, quasi tutti i caffè etiopici vengono oggi coltivati in modo biologico, senza l'utilizzo di nocivi pesticidi. Il fatto che solitamente non vengano utilizzati additivi nella lavorazione significa che il Paese è in grado di offrire una qualità di caffè eccellente. A volte particolarmente fruttato, altre con acidità e corpo molto equilibrati, con un retrogusto estremamente straordinario e con aromi fini: sono solo alcune delle caratteristiche dei diversi caffè che il Paese ha da offrire.

È impossibile riassumere e descrivere tutte queste varietà in termini di gusto, ma se sei interessato, dovresti semplicemente provarle qui. Tuttavia, i caffè etiopici hanno di solito una cosa in comune: il gusto eccellente.

Un caffè etiopico puro, che viene addirittura tostato anche nel Paese stesso è il caffè SOLINO.

Un ulteriore caffè etiopico del nostro assortimento è anche Illy Etiopia.

Camerun

Solo più tardi, all'inizio del secolo scorso, un ufficiale tedesco portò in Camerun il caffè e la coltivazione del caffè. Il piccolo Paese del Centro-Ovest del continente africano è costituito principalmente da altopiani, coperti da foreste pluviali, soprattutto a Sud.

Con le alte montagne, l'arido Nord e la foresta pluviale equatoriale tropicale, il Camerun offre molte condizioni di coltivazione diverse per un'ampia varietà di caffè. Alle pendici del Monte Camerun, la più alta elevazione della zona, crescono i discendenti della famosa varietà Arabica "Blue Mountain" della Giamaica, ma viene coltivata soprattutto la Robusta.

Nei tempi migliori, il Camerun era l'ottavo produttore di caffè al mondo. Quando poi il governo ha tagliato quasi tutti i sussidi negli anni '80, ha reso il settore del caffè molto meno attraente e la produzione è conseguentemente diminuita.

Molti degli agricoltori sono poi passati a una coltivazione di Robusta di qualità mediocre, meno esigente e più efficiente, che a volte produce una qualità media. Il grande potenziale delle aree di Arabica rimaste in Camerun è apprezzato in tutto il mondo, l'UE sta attualmente sostenendo lo sviluppo di nuove aree di coltivazione di Arabica con 30 milioni di euro e lentamente, ma inesorabilmente, anche il caffè del Commercio Equo e Solidale sta guadagnando terreno.

I caffè camerunesi

Sugli altipiani nordoccidentali del Paese, le migliori Arabiche sono coltivate fino a 2000 metri di altitudine. Le condizioni tropicali con temperature costanti tutto l'anno e assenza di gelo sono l'ideale per le più sensibili piante di Arabica. La raccolta qui viene effettuata per lo più a mano, il terreno sui pendii delle montagne del Camerun, infatti, è troppo accidentato per le macchine da raccolta. Gli Arabica camerunesi sono caratterizzati da una piacevole dolcezza e delicatezza, dovuta in parte al fatto che le ciliegie di caffè vengono essiccate al sole prima della lavorazione a umido; procedura molto comune nel Paese. Gli Arabica da pieni e fruttati a quelli più terrosi provengono dall'ovest tropicale del Paese.

La qualità dei migliori Robusta del Paese, molto differenti tra loro, spesso vengono descritti come potenti e con aromi di frutta secca. Le buone condizioni climatiche producono chicchi con un buon corpo ed un aroma intenso. Soprattutto in tempi recenti, le singole cooperative si sono specializzate nella produzione di chicchi Robusta di altissima qualità. Alcune delle migliori miscele di Robusta al 100%, provengono dal Paese e conquistano con aromi completamente nuovi, che differiscono in modo significativo dall'Arabica. Vale la pena provarle!

Tanzania

Il caffè non è molto popolare in Tanzania. Solo il 2% circa della produzione del Paese rimane per essere consumato, il resto viene esportato. Il Brasile, per esempio, consuma il 37% della propria coltivazione. Tuttavia, la Tanzania presta condizioni eccellenti per la coltivazione delle piante di caffè e gli abitanti ne sono consapevoli. Da oltre un secolo, infatti, sono alla ricerca di Arabiche esotiche e di Robusta di qualità.

Sorprendentemente vengono associati in maniera spontanea pochi termini al Paese della Tanzania. Con Senrengeti, Zanzibar, Kilimanjaro e il lago Vittoria, il quadro è molto diverso. La Tanzania è composta principalmente da foreste pluviali tropicali vicino alla costa e agli altopiani, oltre che da estese savane. Soprattutto i pendii montani e gli altopiani senza gelo e con piogge sufficienti sono utilizzati dalla gente del posto per coltivare principalmente piante di Arabica. Con circa il 35% la Robusta non è molto diffusa.

Solo il 20% circa della popolazione tanzaniana è allacciata alla rete elettrica, il Paese ha infrastrutture carenti e problemi di carenza alimentare.

Dopo l'oro, il caffè è la merce d'esportazione più importante del Paese: nel complesso, ben il 70% della popolazione lavora nel settore agricolo. Per la Tanzania, l'esportazione di caffè è uno degli aiuti più importanti per lo sviluppo del Paese, poiché, a differenza dell'oro, molte persone ne beneficiano.

A causa del basso livello di progresso tecnico del Paese, il caffè tanzaniano significa soprattutto una cosa: il lavoro manuale e l'opportunità di aiutare il Paese ad aiutare se stesso.

I caffè della Tanzania

I caffè della Tanzania sono spesso paragonati alla buona qualità del Kenya. Soprattutto, le buone Arabiche del Paese raggiungono sempre di più l'Europa e, dopo la tostatura, convincono con una grande varietà di aromi. I terreni fertili producono sempre più spesso aromi corposi, con acidità fruttate e note che vanno dal miele fino alla frutta secca. Anche la popolare varietà Bourbon della pianta Arabica ha ora messo radici anche in Tanzania e fornisce chicchi Arabica con raffinati e discreti aromi di vaniglia.